Il PD: "Fermare il biodigestore che Toti vuol farci digerire" In evidenza

I sindaci di Arcola, Santo Stefano e Vezzano ribadiscono il no all'impianto di Saliceti.

Domenica, 28 Giugno 2020 15:47
Il progetto del nuovo biodigestore a Saliceti Il progetto del nuovo biodigestore a Saliceti

"Nel corso di un incontro con il commissario della Federazione provinciale del Pd della Spezia, al quale ha partecipato anche il vicesegretario nazionale Andrea Orlando, i sindaci e gli amministratori del Pd di Arcola, Santo Stefano di Magra e Vezzano Ligure hanno ribadito la loro ferma contrarietà all'impianto biodigestore di Saliceti per due ordini di motivi già da tempo evidenziati.

Il primo riguarda l'evidente sovradimensionamento di un impianto che appare destinato a trattare i rifiuti generati da un'area ben più ampia di quella della provincia della Spezia e, probabilmente, superiore a quella dell'intera Liguria

Il secondo è il rischio molto concreto, e al momento non escluso da alcuno studio scientificamente attendibile, della grave compromissione della falda da cui è ricavato l'approvvigionamento idrico indispensabile per gli abitanti della provincia spezzina.

Insieme a questo: sono stati avanzati seri dubbi sulla correttezza amministrativa della procedura con la quale è stata formata la platea dei soggetti coinvolti nella conferenza dei servizi, con l'esclusione del Comune di Arcola, che invece è molto direttamente interessato dagli sviluppi della vicenda; è stata inoltre ribadita la seria preoccupazione relativa all'incremento ulteriore di traffico che la presenza dell'impianto determinerebbe su un sistema di viabilità già al momento interessato da notevoli criticità.

È assolutamente intollerabile, ed è stato più volte sottolineato nel corso della riunione, che ancora una volta il territorio spezzino venga penalizzato con una pesante servitù, in questo caso nel campo della gestione dei rifiuti, causata dall'incapacità della Giunta guidata da Toti, di dar corso agli impegni previsti nel piano regionale, scaricando sul Levante il prezzo politico che non si vuole pagare attrezzando il territorio di Genova con gli impianti necessari e previsti. Quello stesso Levante penalizzato dalla mancata dalla promessa del nuovo ospedale della Spezia, miseramente naufragata nel corso degli ultimi mesi.

Gli amministratori e il coordinamento provinciale del Pd hanno concordato ulteriori iniziative nei prossimi giorni e nelle prossime settimane, al fine di dar vita a un fronte comune con le altre forze presenti nei consigli comunali, a cominciare da quelle del centrosinistra ma limitato ad esse, bensì aperto a tutti coloro che intendono schierarsi a difesa del territorio. Lavorando anche per estendere il contrasto alla realizzazione dell'impianto anche ai territori comunali non direttamente interessati".

Partito Democratico
Coordinamento Provinciale La Spezia

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Partito Democratico

Nobili (PD): "Qual'è il vero pensiero del sindaco? Quello di critica o quello di esaltazione dell'operato dei vertici di Asl e Alisa?". Leggi tutto
Partito Democratico
Il Partito Democratico denuncia la "lentezza ed inefficacia" di ASL 5. Leggi tutto
Partito Democratico

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa