Piacenti: "Unico compito dell'amministrazione è chiedere a Poste Italiane di ottemperare alla sentenza" In evidenza

 "Il sindaco si attivi per evitare che i cittadini di Bastremoli, Sorbolo, Carnea e delle altre frazioni debbano aspettare ancora a lungo per vedere riaperto l'ufficio."

Mercoledì, 24 Giugno 2020 09:03

"Si apprende dai giornali che l'attuale amministrazione del Comune di Follo sta lavorando duramente per fare aprire l'ufficio postale di Bastremoli.

Sorprendono tali parole soprattutto se provengo dal Sindaco Mazzi che già dal 5 febbraio scorso è in possesso della sentenza del Consiglio di Stato che ha accolto il ricorso presentato nel 2015 dall'amministrazione Cozzani e che ha condannato Poste Italiane a riaprire l'ufficio di Bastremoli.

La scelta di rivolgere la richiesta direttamente al Presidente della Repubblica e quindi al Consiglio di Stato era stata attentamente valutata dall'amministrazione Cozzani ed è risultata vincente in quanto ha permesso di ottenere una decisione definitiva e non più appellabile da parte di Poste.

Cosa invece non scontata dati i risultati negativi ottenuti da altre amministrazioni che si erano rivolti direttamente Tar e che hanno visto i loro ricorsi non accolti.

Sono state, invece, completamente accolte dai Giudici le richieste della precedente amministrazione che sosteneva la necessità di rendere accessibile a tutti il servizio postale e soprattutto a cittadini anziani che vivono in un territorio dove il servizio di trasporto è minimo e dove gli utenti si devono spostare a oltre 6 kilometri per raggiungere il primo ufficio postale.

Da rimarcare che all'uscita dalla sentenza l'ex Sindaco Cozzani era stato contattato dal presidente di un comitato genovese, nato contro la chiusura di un ufficio postale, per chiedere informazione sulla procedura da intraprendere visto il risultato positivo.

Ora grazie a questa sentenza e al decreto del Presidente della Repubblica Poste Italiane deve riaprire l'ufficio e per farlo è sufficiente che riattivi le utenze e ripulisca il locale di sua proprietà.

Unico compito dell'attuale amministrazione è quello di chiedere a Poste Italiane di ottemperare alla sentenza e magari di chiedere il risarcimento del danno considerato che sono già trascorsi ben 5 mesi dalla sentenza.

Il Sindaco Mazzi anziché continuare a criticare la scelta vincente dell'allora amministrazione verifichi quanti ricorsi al Tar sono stati respinti e soprattutto si attivi per evitare che i cittadini di Bastremoli, Sorbolo, Carnea e delle altre frazioni debbano aspettare ancora a lungo per vedere riaperto l'ufficio.

Felicia Piacente

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Appuntamenti con la scena pensati per i più piccini per riscoprire la magia del teatro per tutta la famiglia Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
In Liguria 2.221 nuovi positivi a fronte di 12.867 tamponi tra molecolari e antigenici rapidi Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

1 commento

  • Link al commento Giancarlo Giovedì, 25 Giugno 2020 12:56 inviato da Giancarlo

    Buongiorno,
    ringrazio l'ex Sindaco Dott. Cozzani per le utili e preziose informazioni comunicate.
    Dopo il colloquio effettuato anche il Comune di Genova ha provveduto ad effettuare un ricorso d'urgenza al Presidente della Repubblica.
    Cordiali saluti.

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa