"Attività ordinaria di ASL 5 ancora sospesa: come si recupererà?" In evidenza

Il timore di Italia Viva è che si voglia fare massiccio ricorso ai privati.

Lunedì, 08 Giugno 2020 11:15

 

All’indomani delle convocazioni della commissaria Troiano e della direttrice Asl Banchero in Procura, Asl 5 ha annunciato la tardiva creazione di un ospedale destinato al COVID-19 presso il San Bartolomeo.
Sabato apprendiamo sempre dalla stampa che l'ospedale Covid non si fa, si farà, chi lo sa, forse, se tornerà l’emergenza.
In ogni caso i dettagli del piano asseritamente consegnato ad Alisa rimangono avvolti nel mistero per i cittadini, per le forze politiche di opposizione del territorio, per i consigli comunali.

Ma in questa ennesima mancanza di programmazione e di informazioni, ancora oggi l'attività ordinaria è a tutti gli effetti sospesa e si parla di riaprire alle visite ambulatoriali solo il 1 luglio.

Il nostro timore è che non sia stato ancora possibile riprendere tutte le attività sanitarie ferme dall'inizio e durante la più grave emergenza sanitaria che ricordiamo, proprio a causa della colpevole mancata predisposizione di un ospedale covid.
La stragrande maggioranza dei cittadini necessita di cure che non sono legate al Covid, di trattamenti e interventi ordinari, mentre attualmente non esiste ancora una soluzione né per le prestazioni rinviate da febbraio né per quelle da programmare ad oggi.
E per le urgenze tutto viene lasciato sulle spalle dei medici di famiglia, ancora una volta soli a gestire un'emergenza ampiamente prevedibile che doveva essere evitata.

Ci chiediamo se esista un piano dettagliato già predisposto da Alisa che possa permettere di abbattere le liste d'attesa ora diventate lunghissime.
E anche su questo tema ci chiediamo con quale personale verrà realizzato, visto che l'organico dei nostri sanitari è già carente in tutte le figure.
Se il piano esiste, perché non è ancora stato reso pubblico?
E se non esiste, perchè non si è programmata la ripresa?

Sorge il dubbio che si voglia ricorrere completamente ai privati. E questo significherebbe percorrere sentieri già battuti in altre realtà che si sono sono rivelati fallimentari.


Gruppo Sanità Italia Viva La Spezia

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Italia Viva

Il presidente della Commssione Trasporti della Camera Raffaella Paita: "È indispensabile una strategia da parte del Mims che affronti il problema dei contagi tra il personale di bordo delle Ferrovie". Leggi tutto
Italia Viva
La nota di Federica Pecunia, consigliere comunale di Italia Viva e Antonella Franciosi coordinatore Provinciale di Italia Viva. Leggi tutto
Italia Viva

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa