"Il Governo ha perso il taxi" In evidenza

Il Vice Presidente della Provincia della Spezia chiede aiuti per il settore, che non si è mai fermato, neppure durante il lockdown.

Mercoledì, 27 Maggio 2020 19:45


Durante le settimane più difficili del lockdown alcune categorie di lavoratori non hanno smesso di servire il nostro Paese. A tutte loro va il nostro ringraziamento e ogni volta che proviamo a elencarle rischiamo di ometterne alcune e, involontariamente, di fare un torto a coloro che in quei giorni difficilissimi, attanagliati come noi tutti dalla pura del contagio per sé e per i propri cari, non hanno tuttavia smesso di lavorare perché tutti gli italiani avessero servizi essenziali garantiti ed efficienti. Quei giorni in cui le nostre strade erano pressoché deserte e, con grande impegno, il Paese sacrificava un pezzo di libertà per vincere la diffusione del virus, abbiamo toccato con mano quanto siano indispensabili molto attività lavorative delle quali, in tempi normali, ci dimentichiamo facilmente.

Tra i molti che hanno assicurato costantemente una presenza al servizio delle esigenze di chiunque, vi sono i taxisti. I media hanno dedicato “brandelli” di attenzione alla loro categoria solamente per sondarli su quanti effettivamente si stavano ancora spostando sulle nostre strade mentre lo slogan dell’Italia in quelle ore era “io resto a casa”. Purtroppo i provvedimenti assunti dalle autorità per fronteggiare la crisi economica che ha colpito il Paese per effetto della pandemia hanno completamente tralasciato il sostegno a questa specifica categoria di lavoratori.

I taxisti hanno effettuato turni costanti di lavoro, hanno collaborato alla gestione degli spostamenti di assoluta urgenza con modalità sicure, hanno collaborato con le istituzioni per la consegna dei generi di prima necessità e dei farmaci nei giorni della quarantena, hanno garantito il trasporto da e per le strutture sanitarie. È una categoria che deve sostenere ingenti investimenti per acquistare la licenza e il mezzo e, soprattutto, per manutenerlo. Hanno lavorato tutti i giorni della pandemia come ogni servizio essenziale del Paese, andando incontro a una contrazione dei ricavi di proporzioni immani e, nello stesso momento,dovendo far fronte alle spese per i dispositivi di protezione per sé e per il cliente nonché quelle spese per la sanificazione dei veicoli.

L’aver ignorato la domanda di sostegno che arriva da questa categoria di lavoratori è stata una grave e imperdonabile mancanza: i vari decreti che si sono succeduti da marzo ad oggi, tralasciando le enormi lacune e i ritardi denunciati da quasi tutte le categorie produttive del Paese, hanno completamente dimenticato il lavoro e la disponibilità dei taxisti lungo i quasi tre mesi di fase 1 del contagio.

Questa grave mancanza deve essere immediatamente sanata: è indispensabile che tutti i benefici e gli strumenti di sostegno del reddito che riguardano il più ampio settore dei trasporti siano estesi anche alla categoria dei taxisti. Occorre che siano estese immediatamente le garanzie e gli sgravi sul monte dei debiti che i taxisti hanno contratto e ancora stanno pagando per l’acquisto delle licenze, dei mezzi e dei dispositivi di protezione e sanificazione. Infine, come per ogni categoria produttiva, è necessario provvedere a un’iniezione di liquidità che sopperisca al drammatico calo degli incassi e che perdura dal marzo scorso: i taxisti, che solo nel nostro capoluogo contano oltre una quarantina di addetti, come noi tutti, sono madri e padri di famiglia e il lockdown ha comportato anche per loro come per i piccoli artigiani e commercianti, una drammatica crisi di liquidità che non ha precedenti nella nostra storia.

Liguria Popolare con tutti i propri amministratori lavorerà nelle istituzioni e con le istituzioni affinché questa categoria di cittadini, che pure ha militato nelle fila degli “eroi” in quelle drammatiche giornate di pandemia, non finisca dimenticata e stritolata dalla superficialità di un legislatore pasticcione, confuso e miope.

 


Francesco PONZANELLI

Vice Presidente della Provincia della Spezia

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da La Spezia Popolare

Incentivi per i giovani che si trasferiscono e iniziano una nuova attività. Leggi tutto
La Spezia Popolare
Chiude i battenti l’asilo dell’Istituto Maria Ausiliatrice. Ponzanelli (Liguria Popolare): "Il Governo ha abbandonato al suo destino le scuole paritarie". Leggi tutto
La Spezia Popolare

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa