Di Maio si dimette da capo politico del M5S In evidenza

di Francesco Truscia – 2 anni e 4 mesi da leader del M5S “Non mollerò mai il Movimento, è la mia famiglia”.

Mercoledì, 22 Gennaio 2020 20:10

Un discorso accorato quello dell’ormai ex leader del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio che oggi, di fronte ai parlamentari grillini, si è dimesso da leader del Movimento 5 Stelle. Nella serata di ieri erano iniziate a circolare le prime indiscrezioni in merito a questo passo indietro, oggi è arrivata l’ufficialità.

“Il movimento deve vivere nuove motivazioni per essere la bussola dei cittadini per i prossimi 20 anni – ha sottolineato il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio - Abbiamo tante cose da chiarire per diventare più forti e più grandi. Ci sono alcuni temi su cui vanno sciolte le nostre ambiguità”.

Un Luigi Di Maio che ha cercato anche di scrollare dal M5S l’etichetta del “Partito del no”, una delle motivazioni addotte dall’ex Ministro dell’Interno e leader della Lega Matteo Salvini per aprire la cosiddetta “Crisi del Papeete”: “Non è possibile che su alcuni territori appena si parla di una nuova opera noi siamo già schierati per il no prima ancora di conoscerne i dettagli. Le infrastrutture sono fondamentali e le dobbiamo implementare ovunque siano utili”.

Oggi sono qui per rassegnare le dimissioni da capo politico del Movimento 5 Stelle – ha proseguito - per favorire il percorso verso gli Stati Generali. Sarò sui territori e per tutti coloro che avranno bisogno di sostegno, continuerò a servire gli italiani impegnandomi al massimo. Da stasera le mie funzioni di capo politico passeranno, come da regolamento, al membro anziano del Comitato di Garanzia Vito Crimi”.

Ed è così che, levandosi la cravatta, Luigi Di Maio ha lasciato la carica di leader del Movimento 5 Stelle, augurando buona fortuna a Vito Crimi accompagnato dalle note di “Fix You” dei Coldplay.

27331947 10216134496421612 2915501692289543131 n

 

La palla di leader al momento passa al Viceministro dell’Interno Vito Crimi, molti si ricorderanno di lui per quella famosa diretta streaming in cui, assieme alla collega Roberta Lombardi, si confrontarono con l’allora segretario del Partito Democratico Pierluigi Bersani sulla potenziale formazione di un Governo e la polemica che ne scaturì. “Bersani chiese solo i voti al M5S?”, ma ormai, come si suol dire, è acqua passata.

Molte cose sono cambiate nello scenario politico da allora, sia nazionale che internazionale. Oggi ci troviamo ormai a ridosso delle elezioni regionali in Emilia Romagna e Calabria, un appuntamento regionale ma dal forte sapore nazionale (ça va sans dire). Se gennaio è il termometro politico del 2020, tra citofoni, digiuni e dimissioni, non mancherà di che discutere in quest'anno, come diceva Samuel Taylor Coleridge “Nell’oggi cammina già il domani”.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Intervista a Silvano Andreini, gestore del cinema Il Nuovo Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Coronavirus, ad Aulla in quarantena una persona

Giovedì, 27 Febbraio 2020 08:23 cronaca
Non presenta i sintomi ma è stata messa in quarantena in via precauzionale per contatti con la zona rossa. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa