Enel, Raffaelli: "Peracchini eserciti il suo ruolo e chieda chiarezza a Toti" In evidenza

L'intervento del capogruppo in consiglio comunale del Partito Democratico.

Giovedì, 16 Gennaio 2020 08:58

"Come un mantra l’Amministrazione ed il Sindaco Peracchini - con la recente aggiunta del gruppo di maggioranza dei totiani - continuano a ripetere che la competenza sull’approvazione o meno del progetto di Enel, riguardo alla costruzione di una centrale a turbogas, è del Ministero dello Sviluppo Economico.

Qualsiasi sia la critica mossa, o il consiglio dato, la risposta ci fa sentire sempre il solito refrain. È chiaro che il pronunciamento ultimo, in merito a tutto ciò, è dell’ente governativo presso cui il progetto è stato presentato e depositato, ma intorno a quel tavolo non siedono solamente esponenti e tecnici nazionali.

Nella conferenza dei servizi sono presenti anche gli esponenti dell’Amministrazione Comunale e di Regione Liguria. E difatti questi saranno presenti, perché convocati, anche nella giornata del 27 gennaio.

Pertanto quella decisione, seppur del Ministero, si dovrebbe formare tenendo conto delle valutazioni e dei giudizi degli Enti Locali.

Ora, sappiamo che l’Amministrazione precedente, di centrosinistra, insieme ad Enel stessa, aveva impostato un progetto di dimissione della centrale Montale e di completa riconversione delle aree bonificate, libera da qualsiasi tipo produzione energetica da fonti fossili, inserendo La Spezia all’interno dei progetti Futur-E.

Ma l’amministrazione Peracchini in questi due anni e mezzo ha fatto naufragare il percorso e per un certo momento ha addirittura aperto all’ipotesi di una centrale a turbogas.

Successivamente, quando Enel ha presentato il suo progetto al MISE, il Consiglio Comunale della Spezia si è espresso all’unanimità contro quell’ipotesi.

Parallelamente a questo percorso nelle istituzioni comunali, Regione Liguria, attraverso il Presidente Toti, in molte sedi pubbliche ed in dichiarazioni alla stampa, si è espressa favorevolmente al progetto di Enel.

Ora parrebbe chiaro che anche un Ministero indeciso sul da farsi, nel trovarsi di fronte, da una parte, un Comune - non competente in materia di politiche energetiche - contrario al progetto, e dall’altra una Regione - con una competenza in materia - invece favorevole, si sbilancerebbe anch’esso a favore.

Ecco quindi il motivo per cui, da sempre, diciamo che è quanto mai necessario che anche Regione Liguria si esprima, con dichiarazioni ed atti pubblici, contrariamente al progetto in campo.

Come può una catena resistere di fronte a Enel, se non trovasse tra i suoi anelli quello più forte, ossia la Regione? Perché appunto sovraordinato istituzionalmente e con una competenza concorrente con lo Stato.

Ecco perché abbiamo consigliato, e consiglieremo sempre, al Sindaco Peracchini di esercitare fino in fondo il ruolo politico che ha. Con una pressione costante, fatta di richieste incalzanti e pretese di chiarezza indirizzate anche a sopratutto a Toti.
Ma questo non si vuol fare. Si preferisce tacere e lasciare che le cose scorrano da sé. Semmai spostare il tiro completamente sul Governo centrale, fregandosene del fatto che sarebbe molto probabile riuscire a bloccare tutto con una Regione a combattere la battaglia al nostro fianco".

Marco Raffaelli
Capogruppo Pd

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Partito Democratico

Il PD sottolinea il mancato riconoscimento economico al personale sanitario e guarda con preoccupazione ai contagi. Leggi tutto
Partito Democratico
"Coerenza e trasparenza: chi non ci sta, si accomodi pure". Leggi tutto
Partito Democratico

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa