Enel, Raffaelli: "Peracchini eserciti il suo ruolo e chieda chiarezza a Toti" In evidenza

L'intervento del capogruppo in consiglio comunale del Partito Democratico.

Giovedì, 16 Gennaio 2020 08:58

"Come un mantra l’Amministrazione ed il Sindaco Peracchini - con la recente aggiunta del gruppo di maggioranza dei totiani - continuano a ripetere che la competenza sull’approvazione o meno del progetto di Enel, riguardo alla costruzione di una centrale a turbogas, è del Ministero dello Sviluppo Economico.

Qualsiasi sia la critica mossa, o il consiglio dato, la risposta ci fa sentire sempre il solito refrain. È chiaro che il pronunciamento ultimo, in merito a tutto ciò, è dell’ente governativo presso cui il progetto è stato presentato e depositato, ma intorno a quel tavolo non siedono solamente esponenti e tecnici nazionali.

Nella conferenza dei servizi sono presenti anche gli esponenti dell’Amministrazione Comunale e di Regione Liguria. E difatti questi saranno presenti, perché convocati, anche nella giornata del 27 gennaio.

Pertanto quella decisione, seppur del Ministero, si dovrebbe formare tenendo conto delle valutazioni e dei giudizi degli Enti Locali.

Ora, sappiamo che l’Amministrazione precedente, di centrosinistra, insieme ad Enel stessa, aveva impostato un progetto di dimissione della centrale Montale e di completa riconversione delle aree bonificate, libera da qualsiasi tipo produzione energetica da fonti fossili, inserendo La Spezia all’interno dei progetti Futur-E.

Ma l’amministrazione Peracchini in questi due anni e mezzo ha fatto naufragare il percorso e per un certo momento ha addirittura aperto all’ipotesi di una centrale a turbogas.

Successivamente, quando Enel ha presentato il suo progetto al MISE, il Consiglio Comunale della Spezia si è espresso all’unanimità contro quell’ipotesi.

Parallelamente a questo percorso nelle istituzioni comunali, Regione Liguria, attraverso il Presidente Toti, in molte sedi pubbliche ed in dichiarazioni alla stampa, si è espressa favorevolmente al progetto di Enel.

Ora parrebbe chiaro che anche un Ministero indeciso sul da farsi, nel trovarsi di fronte, da una parte, un Comune - non competente in materia di politiche energetiche - contrario al progetto, e dall’altra una Regione - con una competenza in materia - invece favorevole, si sbilancerebbe anch’esso a favore.

Ecco quindi il motivo per cui, da sempre, diciamo che è quanto mai necessario che anche Regione Liguria si esprima, con dichiarazioni ed atti pubblici, contrariamente al progetto in campo.

Come può una catena resistere di fronte a Enel, se non trovasse tra i suoi anelli quello più forte, ossia la Regione? Perché appunto sovraordinato istituzionalmente e con una competenza concorrente con lo Stato.

Ecco perché abbiamo consigliato, e consiglieremo sempre, al Sindaco Peracchini di esercitare fino in fondo il ruolo politico che ha. Con una pressione costante, fatta di richieste incalzanti e pretese di chiarezza indirizzate anche a sopratutto a Toti.
Ma questo non si vuol fare. Si preferisce tacere e lasciare che le cose scorrano da sé. Semmai spostare il tiro completamente sul Governo centrale, fregandosene del fatto che sarebbe molto probabile riuscire a bloccare tutto con una Regione a combattere la battaglia al nostro fianco".

Marco Raffaelli
Capogruppo Pd

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Partito Democratico

Sabato una convention alla Sala della Repubblica Leggi tutto
Partito Democratico
Il numero uno del Partito Democratico provinciale: "Lealtà verso l'esecutivo si fermerebbe per il dovere di rappresentare la comunità". Leggi tutto
Partito Democratico

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa