Spezia avrà la sua targa per Craxi: lunedì l’ok della giunta In evidenza

di Gabriele Cocchi – Il Partito Socialista spezzino ne ha fatto richiesta il 19 dicembre. Una targa commemorativa anche per le vittime dell’amianto.

Domenica, 12 Gennaio 2020 16:34

Scherzandoci su, si potrebbe chiamare “la maledizione delle intitolazioni”. Nemmeno il tempo di archiviare le feroci polemiche sul nuovo slargo che l’amministrazione ha dedicato a Josemaría Escrivá, fondatore dell’Opus Dei, nella zona di piazza Sant’Agostino, che già sono pronte a partire quelle su Bettino Craxi.

Sì, perché quella che in questi giorni è stata dibattuta, con toni già molto accesi, soltanto in qualità di proposta, avanzata dall’ex consigliere comunale Flavio Cavallini già dieci anni fa, lunedì mattina diventerà un atto ufficiale, votato dalla giunta del sindaco Pierluigi Peracchini.

La richiesta di intitolare una targa a Craxi all’ex cinema Odeon, oggi Mediateca regionale, infatti, è stata depositata in Comune lo scorso 19 dicembre da Gianni Brero, segretario provinciale del Partito Socialista. Completato il necessario passaggio in commissione toponomastica, che ne ha valutato l’opportunità, lunedì la richiesta verrà approvata ufficialmente dall’amministrazione. No comment da parte dell'assessore competente Paolo Asti, che preferisce attendere la votazione in giunta comunale per esprimersi sulla vicenda.

Una decisione che, a vent’anni dalla morte del politico socialista, è destinata a dividere l’opinione pubblica spezzina almeno tanto quanto ha fatto la recente intitolazione dello slargo a Escrivá. Lo dimostrano le posizioni espresse ieri da Guido Melley e Roberto Centi, che hanno cassato la proposta ricordando le condanne definitive di Craxi, morto in latitanza ad Hammamet. A cui ha risposto a stretto giro il Partito Socialista spezzino, accusando i due consiglieri comunali di essere “obnubilati da un furore giustizialista” che ridurrebbe la figura di Craxi alla sua sola vicenda giudiziaria.

Ma il menu della giunta comunale di lunedì mattina è ricco: l’amministrazione infatti dovrà anche approvare l’intitolazione dello slargo davanti al palazzo comunale alla ricorrenza dell’8 marzo (Giornata della donna) e la collocazione di due targhe commemorative per le vittime dell’amianto, in piazza Caduti per la Libertà, e per quelle della strage di Nassiriya, nell’omonima piazza di Mazzetta.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

A soli 16 anni è una rapper di successo, oggi il suo singolo "Bando" spopola sulle maggiori piattoforme, come spotify e i-tunes. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Alcuni consigli utili dall'Accademia del Gusto. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa