Stampa questa pagina

"Non immaginavo potessero affrontare l’argomento con modi tanto indegni" In evidenza

Il Consigliere del PD Marco Raffaelli attacca la maggioranza sul modo in cui è stata affrontata la discussione della proposta della cittadinanza onoraria a Liliana Segre.

Martedì, 12 Novembre 2019 15:33

“L’opposizione ha portato ieri in consiglio la discussione per esprimere solidarietà a Liliana Segre, e avviare il percorso per conferirle la cittadinanza onoraria.

La difesa di una persona sopravvissuta all’Olocausto, portatrice e simbolo di valori quali libertà, fratellanza e solidarietà, dovrebbe accomunare qualsiasi persona dotata di buon senso. Mi aspettavo pertanto una condivisione dello spirito e del testo presentato anche da parte della maggioranza.

Ma questa prima ha strumentalizzato la discussione, attaccandosi al punto del nostro testo in cui invitavamo ad alzarci in piedi durante la votazione, semplicemente in segno di rispetto alla persona. Poi, questo nostro invito, è diventato la loro giustificazione per votare contro la mozione. Infine, si sono presentati un documento proprio, scopiazzando il nostro.

Non immaginavo potessero affrontare l’argomento con modi tanto indegni.

Abbiamo preferito allora abbandonare l’aula e lasciare che portassero avanti, da soli, una votazione che avrebbe bocciato il nostro testo, ed approvato solamente il loro.

Ma non ci sono riusciti, per l’assenza del numero legale. Si vede che qualcuno non era neppure d’accordo sull’esprimere vicinanza a Liliana Segre.

Alcune volte al fondo non c’è proprio fine.“

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Francesco Falli - Tutte le emozioni della prima partita della storia in serie A Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Per riconoscere più velocemente e con sicurezza la malattia e dimostrare che si tratta di vera patologia. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa