Felettino, PD: "In 4 anni Toti e Viale non hanno fatto nulla" In evidenza

"Un Consiglio regionale straordinario sulla sanità, per analizzare i quattro anni e mezzo di disastri della gestione Toti-Viale e cercare di trovare una soluzione a un modello che si è rivelato del tutto fallimentare".

Giovedì, 07 Novembre 2019 16:25

A chiederlo è il Gruppo del Partito Democratico in Regione Liguria che, insieme agli altri gruppi consiliari di opposizione in Consiglio, ha depositato la richiesta agli uffici regionali e attende una convocazione entro 15 giorni, come prevede il regolamento.

"Nel corso dell'amministrazione regionale di centrodestra – spiegano i consiglieri liguri del Pd – la sanità ligure è peggiorata su tutti i fronti. Le liste d'attesa si sono allungate a dismisura. Per fare un esempio un bambino deve attendere più di un anno per una visita oculistica, nonostante il pediatra avesse espressamente chiesto di effettuarla entro un mese. I malati al pronto soccorso aspettano ore (e in alcuni casi giorni) il proprio turno sulle barelle sistemate lungo i corridoi, mentre le ambulanze restano ferme in coda, in attesa di quelle stesse barelle di cui gli ospedali sono sprovvisti".

"Ogni giorno c'è un emergenza nuova: caldo, freddo, influenza. Sono aumentati gli atti di violenza nei confronti del personale sanitario. Medici, infermieri e oss sono ridotti all'osso: la Giunta non assume e non fa concorsi, risparmiando sulla pelle dei lavoratori. Le Asl hanno esaurito il budget per integrare le rette delle rsa (le residenze per anziani) e così chi ha i soldi paga per intero, mentre gli altri sono costretti a occuparsi, a casa, 24 ore su 24, degli anziani non autosufficienti".

"Le liste d'attesa per l'assistenza dei minori disabili sono sature e in quattro anni e mezzo il centrodestra non ha realizzato neppure una Casa della Salute: tutte quelle presenti in Liguria (solo per citare le genovesi parliamo di Fiumara, Sestri Ponente, Villa De Mari, Doria e Pegli) sono state programmate, progettate, finanziate, appaltate e costruite dal centrosinistra (l'attuale maggioranza, al massimo, ne ha inaugurata qualcuna che ha ereditato integralmente)".

"Tanti disagi che costringono sempre di più i cittadini liguri a farsi curare fuori regione, aumentando il deficit sanitario e quindi sottraendo ulteriori risorse (la Corte dei Conti stima che le fughe sanitarie siano quasi raddoppiate tra il 2017 e il 2018). Un circolo vizioso, che il centrodestra ha provato a interrompere con una ricetta sbagliata: privatizzare gli ospedali. Ma ogni volta che ha tentato di farlo gli è andata male: una gara è stata bocciata dal Tar (nosocomi di Albenga e Cairo Montenotte) e un'altra è andata deserta (ospedale del ponente genovese agli Erzelli)".

"E poi c'è l'incredibile vicenda dell'ospedale Felettino della Spezia. Toti e Viale, appena insediati, hanno trovato, grazie a chi li ha preceduti, i finanziamenti e i lavori già appaltati per realizzarlo. Ma in 4 anni e mezzo non hanno fatto niente: il cantiere non è mai partito e ieri hanno persino revocato l'appalto alla ditta, calando il sipario sul nuovo presidio sanitario spezzino e lasciando scoperta un'intera provincia. Un disastro sotto gli occhi di tutti. D'altra parte basta visitare un semplice ospedale e fare quattro chiacchiere con i pazienti o i loro parenti per rendersi conto di ciò che è accaduto al sistema sanitario ligure. Per queste ragioni chiediamo un Consiglio monotematico sulla sanità: serve un cambio di passo radicale, altrimenti la situazione non potrà che peggiorare".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Partito Democratico

La richiestaa Regione e Governo di non dare il via libera per il turbogas. Leggi tutto
Partito Democratico
"Per il nuovo ospedale della Spezia ci troviamo di nuovo all’anno zero" Leggi tutto
Partito Democratico

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa