Targa dedicata a Giacomo Bastreri, bocciata la ricollocazione nel Consiglio comunale di Porto Venere In evidenza

Non passa la richiesta della minoranza.

Mercoledì, 09 Ottobre 2019 09:39

Il Consiglio Comunale di Porto Venere del 7 ottobre ha bocciato l'ordine del giorno presentato dalla minoranza, a firma Fabio Carassale, Francesca Sacconi, Saul Carassale e Franco Talevi, che chiedeva di ricollocare la targa dedicata a Giacomo Bastreri nella sala del Consiglio comunale e di apporvi anche un nuovo pannello integrativo proposto con l'intento di contestualizzare e mantenere una testimonianza storica che dall'ambito locale si lega alla storia d'Italia dell'ultimo secolo.

 

Nel suo intervento (in allegato), Fabio Carassale ha ripercorso il filo della storia: "A mio giudizio l'Amministrazione ha perso l'occasione per onorare uno dei primi caduti sotto la violenza fascista (se non addirittura il primo), non prendendo nemmeno in considerazione la mia ulteriore proposta, in aggiunta al testo dell'Ordine del Giorno depositato, riguardante l'elevazione a monumento pubblico della tomba di Bastreri Giacomo, presente nel cimitero di Portovenere; lastra tombale di elevata fattura e di forte impatto espressivo, realizzata dallo scultore locale Ugo Canese nel 1923".

"L'Amministrazione Cozzani inoltre, per voce dell'Assessore Di Pelino (colui che ha fisicamente rimosso la targa), sposa in pieno il revisionismo storico recentemente avvallato dalla risoluzione del parlamento europeo con l'equiparazione nazismo - comunismo, risoluzione che in questi giorni risulta invece oggetto di richiesta di ridiscussione per la sua infondatezza da parte di molte associazioni, comunità, partiti e cittadini", prosegue Carassale.

"In questo contesto - conclude il consigliere di minoranza - ricordando che il comunismo in Italia non è reato mentre lo è il fascismo, ho chiesto conto all'Assessore Di Pelino, quale rappresentante di un'Istituzione democratica, delle sue parole apparse tempo addietro sulla stampa relative al fatto "di andare fiero di portare sulla giacca il simbolo della decima mas" ed anche del fatto che sul suo profilo pubblico di whatsapp campeggi ancora oggi il simbolo della decima mas della Repubblica Sociale Italiana, chiedendo al Sindaco e a tutti i Consiglieri sinceramente democratici di condividere la richiesta di un passo indietro dell'Assessore Di Pelino rispetto a queste posizioni... richiesta caduta nel vuoto".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Download allegati:
Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

L'auto si trovava in via XX Settembre, proprio nei pressi dalla Polizia Locale. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Miglior giocatore del torneo Edoardo Polenghi del Rapallo, miglior portiere il sampdoriano Jacopo Pagliughi. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa