Nel Consiglio Comunale di Santo Stefano si forma il gruppo di Italia Viva In evidenza

I nomi del Consiglieri che aderiscono al nuovo partito di Renzi.

Venerdì, 27 Settembre 2019 18:44


Ogni volta che avviene una scissione in politica lo scenario non è mai del tutto chiaro. Chi ha fatto parte di una comunità per tanto tempo porta con sé un insieme di esperienze, rapporti, sentimenti con i quali inevitabilmente deve prima di tutto fare i conti.
Queste ultime due settimane, quindi, sono state per noi particolarmente difficili e dopo un lungo confronto, tutti insieme, abbiamo fatto la nostra scelta, non senza sofferenza o qualche dubbio iniziale, ma ora con assoluta decisione.

 

A seguito dell’uscita dal partito di Matteo Renzi e di molti parlamentari, la metà del direttivo del PD Santostefanese non rinnoverà il tesseramento 2019 e si dimetterà dall’organismo stesso.
Si tratta di Jacopo Alberghi, Marta Benedetti, Carla Bertoldi, Mattia Ferrari, Juri Mazzanti, Nicla Messora, Lucio Molla, Mauro Pigoni, Enrica Ruscelli, Salvatore Stelitano, Grazia Tivegna.

Inevitabilmente questa scelta porta all’esigenza di riorganizzare la rappresentanza all’interno del Consiglio Comunale. Nei prossimi giorni verrà formalizzata la costituzione del nuovo Gruppo “Santo Stefano Viva“ con l’adesione dell’Assessore Jacopo Alberghi e dei consiglieri Enrica Ruscelli, Salvatore Stelitano e Angelo Zangani (socialista). Nicla Messora ricoprirà il ruolo di Capogruppo della nuova rappresentanza.
Sebbene sia evidente l’impatto di questa scelta coinvolgendo ben 5 consiglieri comunali su 7 della maggioranza, vogliamo sin d’ora chiarire senza esitazioni che non è in discussione il sostegno all’attuale Amministrazione, come sarà già evidente con la scadenza di bilancio prevista per il prossimo Consiglio Comunale.

Questo però non significa che abbandoneremo le diverse sensibilità, già evidenti in questi anni all’interno del PD . Anzi. Non ci interessa rivendicare poltrone in alcun modo , ma volgiamo porre al centro della discussione e della nostra azione politica e amministrativa i temi importanti per la comunità. Su tutti il deciso No al Biodigestore e tutte le azioni possibili per contrastare questa sciagurata ipotesi.
Questi sono solo le prime iniziative alle quali seguiranno la formazione dei comitati civici e il coinvolgimento di tutti coloro i quali si mostreranno interessati.

Questo gruppo ancora una volta si mostra coeso e sebbene con storie e sensibilità differenti non poteva che seguire la strada tracciata da Matteo Renzi.
Senza nessun rancore o livore, le ragioni di chi va sono comprensibili proprio leggendo le parole di chi resta nel PD.


Santo Stefano Viva

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Peracchini avverte: "Siamo alla fine della querelle". Si delinea lo scontro a carte bollate tra Ire e l'azienda Pessina. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
In programma anche una cena all'istituto alberghiero "Casini". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa