"Serve una regia regionale per gestire i flussi delle Cinque Terre" In evidenza

L'intervento dei consiglieri regionali del Pd Giovanni Lunardon e Juri Michelucci.

Giovedì, 18 Luglio 2019 15:03

"Oggi Commissione fiume in Regione sui flussi turistici delle Cinque Terre. Dalle audizioni sono emersi almeno quattro temi fondamentali su cui la Giunta ligure deve esercitare il proprio ruolo di governance, visto che finora le amministrazioni locali sono state abbandonate al loro destino, senza alcun aiuto dall'Ente.

Prima di tutto occorre una seria programmazione combinata tra Regione e Rfi (pur nell'autonomia dell'azienda) che veda il coinvolgimento dei Comuni per la riqualificazione delle stazioni ferroviarie delle Cinque Terre.

Reti ferroviarie italiane, nei mesi scorsi, ha stanziato 12 milioni di euro per la stazione di Migliarina e anche se non intendiamo sindacare sull'intervento in sé, crediamo che sarebbe stato prioritario concentrarsi sulle fermate dei Comuni delle Cinque Terre.

Solo per citare alcune segnalazioni fatte dai sindaci: a Vernazza bisogna migliorare la sosta e il deflusso, mentre a Manarola serve una scala d'emergenza. Praticamente in tutte le stazioni occorrono interventi per l'abbattimento delle barriere architettoniche.

Il secondo punto è la mancanza di un coordinamento fra Regione e Comuni per un piano di protezione civile coordinato sulle Cinque Terre.

Nonostante le promesse dell'assessore Giampedrone, le richieste dei Comuni e le nostre sollecitazioni in Consiglio regionale siamo ancora all'anno zero. Recentemente solo il Prefetto ha avviato una discussione di questo tipo con le amministrazioni comunali. Ma è compito della Regione promuovere e portare a compimento tale confronto.

Anche sulla programmazione dei flussi in ingresso è necessario che la Giunta ligure batta un colpo. Nessuno intende istituire il numero chiuso, ma bisogna coinvolgere Comuni, operatori turistici, compagnie di crociera e Trenitalia per avviare un ragionamento globale e coordinato per la gestione degli arrivi alla Cinque Terre.

Infine è necessario reinvestire sul territorio gran parte delle risorse che gli Enti ricavano dal turismo alle Cinque Terre. Non è possibile, solo per fare un esempio, che dei 16 milioni incassati dal Parco, solo 2 restino effettivamente nelle sue casse. Così come sarebbe opportuno che i proventi della tasse di soggiorno venissero finalizzati sulla base di un piano di marketing complessivo per le Cinque Terre.

In poche parole la Regione deve iniziare, dopo questi anni di totale assenza, ad assumere un ruolo di coordinamento, per gestire al meglio i flussi alle Cinque Terre. L'obiettivo è un turismo sostenibile dal punto di vista ambientale e della sicurezza. Servono infrastrutture ferroviarie più efficienti, investimenti, piani e decisioni".

I consiglieri regionali del Pd ligure Giovanni Lunardon e Juri Michelucci

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Partito Democratico

Il Consigliere regionale PD parla di una "brutta figura" sul piano nazionale. Leggi tutto
Partito Democratico
"L'unica via seria per migliorare davvero i trasporti ferroviari". Leggi tutto
Partito Democratico

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa