A Massa la Festa della vittoria della Russia per la fine della Seconda Guerra mondiale

Sono stati commemorati anche Alexander Prokhorenko e Stefano Paolicchi.

 

In un clima di grande commozione ed in una sala piena di invitati provenienti anche da altre province, si è svolta Sabato 11 Maggio nella Sala della Resistenza di Palazzo Ducale a Massa, la commemorazione della Festa della Vittoria della Russia che pose fine alla seconda guerra mondiale. L’Associazione “Russkaya Idea” della Spezia con il “Media Partner dell’evento il Magazine economico-culturale Russia Privet www.russiaprivet.org. quest’anno ha scelto Massa come luogo di svolgimento della celebrazione.

La cerimonia è iniziata con l’arrivo dell’addetto militare dell’ambasciata della Federazione Russa di Roma il Tenente Colonnello Maxim Vanin che è stato accolto all’ingresso di Palazzo Ducale dal pubblico in attesa e dai ragazzi del Liceo Artistico Musicale "Felice Palma" di Massa, diretti dal prof. Biancalana, rendendo gli onori suonando splendidamente prima l’inno nazionale russo e a seguito quello Italiano commuovendo tutti per la loro bravura.

L’evento si è poi spostato nella sala della Resistenza dove ha avuto inizio con i ringraziamenti ai vari intervenuti tra cui oltre che all’ospite d’onore il Tenente Colonnello Maxim Vanin sono intervenuti Marco Mosti, responsabile dell’associazione Russkaya Idea di Massa per l’apertura dell’evento.

La cerimonia, oltre a ricordare il sacrificio di ben 27.000.000 di morti della Russia per difendere il proprio paese, ha ricordato la figura di due eroe, Alexander Prokhorenko caduto in Siria combattendo i terroristi dell’ISIS e di Stefano Paolicchi, paracadutista Italiano di Massa, caduto in Somalia nel 1993 in un’operazione di peacekeeping delle Forze Italiane nel Corno d’Africa.

Tutto ciò per ricordare a tutti oltre che il sacrificio in vite umane della Russia durante la seconda guerra mondiale, anche il sacrificio di due eroi cosi lontani, ma caduti entrambi per il proprio paese per ripristinare la pace là dove viene messa in pericolo.

Dopo il saluto delle istituzione da parte del Vice Sindaco Andrea Cella e la presentazione del significato della cerimonia da parte di Marco Mosti, il primo intervento è stato dell’attore spezzino Roberto di Maio che ha raccontato con le parole di Vinicio Ceccarini la tragica storia di Alexander Prokhorenko. Hanno seguito Adriano Tocchi, presidente dell’ANPdI sezione di Roma soffermandosi sulla figura dell’Eroe al giorno d’oggi seguito da Angelo Sinisi che ha ricordato il sacrificio di Stefano Paolicchi in Somalia che valse la medaglia d’oro al valor militare, la cui madre era presente tra il pubblico.

Intervento di alto contenuto storico quello del Professore Paolo Galantini della Spezia e della Direzione Nazionale della Federazione Italiana Associazioni Partigiane che ha ricordato il contributo di alcuni partigiani russi che hanno combattuto in Italia per la liberazione ottenendo il preziosissimo riconoscimento della medaglia d’oro al valore militare. In particolare, il professor Galantini si è soffermato sul partigiano Fëdor Andrianovič Poletaev che fu decorato in Italia con la medaglia d'oro e dichiarato Eroe dell'Unione sovietica. Fëdor Andrianovič Poletaev è oggi la testimonianza di quanto l'Italia e la Russia hanno in comune per la lotta per la pace e la libertà.

Ioulia Makarova-Liakh, poetessa russa e collaboratrice del giornale Russia Privet, ha recitato in russo, una poesia in ricordo dei due eroi e dedicato alle madri degli eroi a significare che l’eroismo è anche poesia. La parola è passata all’ospite d’onore il Tenente Colonello Maxim Vanin che con estrema gratitudine si è rivolto all’Associazione Russkaya Idea per aver organizzato la Giornata nella memoria dei caduti della Russia durante la seconda guerra mondiale. Il presidente dell’Associazione Spezzina Russkaya Idea Angelo Sinisi ha ringraziato il Vice Sindaco di Massa Andrea Cella per aver partecipato all’evento in rappresentanza delle istituzioni locali, il Consolato Onorario di Pisa ed il centro culturale Russo di Pisa presente nella persona della dott.sa Anastasia Cheprackova, L’Associazione Culturale MIR Oxana Zhuravleva presidente e Tatiana Guseva maestra di lingua Russa. L’Associazione Russkaya Versilia nella persona di Dimitri Kuzmin e la prof. Marta Tongiani dell’Associazione Vostok di Massa Carrara.
Il Presidente Angelo Sinisi ha ricordato il sacrificio oggi della Russia nella coraggiosa lotta contro il terrorismo, la pace e la libertà dei popoli, sottolineando che i rapporti tra l'Italia e la Russia sono nel cuore dei popoli e ben saldi,indipendentemente dalle situazioni internazionale e con parole chiare e semplici ha concluso “ Ritengo che questa giornata abbia lasciato un segno nei nostri rapporti di amicizia con il popolo Russo. Abbiamo intenzione di continuare con nuovi eventi nelle speranze che il messaggio di pace che abbiamo voluto trasmettere, venga un giorno meglio accolto dalla politica”

Un particolare ringraziamento alla Misericordia di Massa per l’assistenza e mezzi messi a disposizione.

 15-05-2019 11:25

Autore: Redazione Gazzetta della Spezia
Categoria: Cronaca Lunigiana


Condividi!

Fai conoscere questa notizia anche ai tuoi amici!

Articolo Originale