Marino: "Reazione importante, necessario questo carattere nelle gare che mancano"

"Inizio lento e prevedibile, poi dopo il primo schiaffo abbiamo iniziato a giocare, rimontando con merito nella ripresa; dobbiamo tornare ad approcciare meglio l'incontro"


Al termine della battaglia del "Picco", che ha visto le Aquile trionfare in rimonta contro l'Ascoli, il tecnico spezzino Pasquale Marino analizza così la prova dei suoi: "In avvio siamo stati troppo lenti e prevedibili, iniziando a giocare soltanto dopo il primo schiaffo subito, ma quando le partite si mettono così, tutto diventa più difficile e non sempre è possibile rimontare; sicuramente l'espulsione di Ninkovic ci ha agevolato nella rimonta, ma se siamo riusciti a vincere l'incontro il merito è nostro, perchè non sempre la superiorità numerica equivale ad una sicura vittoria.

Nell'intervallo abbiamo parlato, cercando di correggere le cose che non avevano funzionato fino a quel momento e nella ripresa siamo entrati in campo cercando di aumentare il ritmo; nei secondi 45' la squadra è tornata a giocare il calcio veloce e di qualità che ha nel dna, ad eccezione degli ultimi minuti di gioco, nei quali siamo stati un po' autolesionisti, fallendo più volte il 4 a 2 e rischiando addirittura di veder sfumare la vittoria.

Dobbiamo tornare a concentrarci e caricarci nel modo giusto, approcciando la partita in maniera differente, perchè non sempre finisce bene come oggi o come contro la Salernitana; per fare male dobbiamo giocare con leggerezza e velocità, giocando senza paura fin dai primi minuti.

Galabinov? E' un ottimo professionista, si è sempre allenato bene ed oggi è stato autore di una buona gara, dando prova del proprio valore. Il rigore? C'è una graduatoria, ma poi è giusto che vada sul dischetto chi se la sente".

Foto Ac Spezia 

 14-04-2019 19:44

Autore: Redazione Gazzetta della Spezia
Categoria: Ac Spezia Calcio

Condividi!

Fai conoscere questa notizia anche ai tuoi amici!

Articolo Originale