Svolta storica per le revisioni dei camion

Esclusi solo quelli che trasportano merci pericolose e merci deperibili che viaggiano con temperatura controllata.

Confartigianato Trasporti La Spezia comunica con viva soddisfazione una vera e propria rivoluzione per le revisione dei veicoli pesanti. Infatti grazie alla modifica dell. Art. 80 del Codice della strada (inserita nella Legge di Bilancio 2019) anche i veicoli di massa superiore alle 3,5 tonnellate potranno rivolgersi per la revisione dei veicoli a officine private e autorizzate, eliminando l’obbligo della presenza di un ingegnere della motorizzazione.

”Viene finalmente introdotto il principio che l’impresa privata possa eseguire le pratiche di revisione periodica dei veicoli pesanti – commenta Stefano Ciliento, Presidente di Confartigianato Trasporti - un risultato storico che Confartigianato Trasporti chiede da anni come misura per ridurre l’ingolfamento degli uffici delle motorizzazioni civili diminuendo i costi di gestione della P.A., garantire sicurezza e competitività alle imprese di trasporto, abbattere ritardi e costi per i vettori che eseguono trasporto internazionale. Tale norma, che necessita adesso delle relative disposizioni attuative, è innovativa e foriera di importanti sviluppi economici per l’intero comparto delle PMI”.

L’unica eccezione riguarderà i veicoli che trasportano merci pericolose e quelli del trasporto merci deperibili che viaggiano con temperatura controllata.

Entro la fine di Gennaio del corrente anno il Ministero dei trasporti emanerà le nuove disposizioni per attuare la riforma.

 10-01-2019 17:35

Autore: Confartigianato
Categoria: Comunicati Economia


Condividi!

Fai conoscere questa notizia anche ai tuoi amici!

Articolo Originale