Dagli striscioni ai balconi ai gommoni in piazza: il fronte anti-Salvini organizza la mobilitazione

di Elena Voltolini - Autorizzazioni permettendo, l'appuntamento sarà in piazza Mentana alle 18.30 del 14 agosto.


“Non serve una semplice mobilitazione, serve condivisone e serve che la piazza torni a farsi sentire. Abbiamo indetto questa assemblea perchè vorremo che ci fosse la massima partecipazione ed organizzazione e per decidere insieme le modalità della protesta”, spiegano così, gli organizzatori, la convocazione dell'assemblea pubblica all'antivigilia dell'arrivo alla Spezia del leader della Lega e Ministro dell'Interno Matteo Salvini.

 

Il luogo scelto, nonostante l'inclemenza del meteo, è stata la piazzetta della biblioteca Beghi, con successivo spostamento sotto il porticato a causa dell'intensificarsi della pioggia. Un luogo scelto non a caso, visto che è lo stesso in cui mesi fa si parlò dell'organizzazione del presidio contro CasaPound.
“Un luogo – spiegano gli organizzatori – importante per la cultura e per la città e che vorremo fosse vissuto e animato”.

Tanti i giovani presenti, visto che tra i promotori della mobilitazione anti Salvini ci sono gli studenti di Rete-Lsp, insieme alle donne di “Non una di meno”, ma a sedersi in circolo davanti alla biblioteca sono molte generazioni, dai 18enni agli over 80, così come ci sono le “persone comuni” ed i politici, di oggi e di ieri.

Uno studente del liceo classico ha spiegato: “Dobbiamo scendere in piazza contro una classe politica distante dai problemi quotidiani dei cittadini. Salvini è il culmine di questo, ma né i Cinque Stelle né il PD sono esclusi dalla degenerazione. Quanto a noi, dobbiamo lasciare da parte le divisioni, solo uniti contiamo”.

Proprio all'unità fanno appello le donne di “Se non ora quando”, facendo riferimento al senso vero dell'antifascismo: “L'antifascismo non è solo testimonianza, ma azione”.

Al di là delle posizioni politiche, che non hanno mancato di mostrare qualche divergenza, e al di là delle appartenenze e delle bandiere, lasciate da parte, “compito” dell'assemblea era quello di stabilire le modalità della protesta e mettere sul tavolo acune idee.
Parole d'ordine efficacia e presa anche mediatica. Si sono cercate idee interessanti e significative, anche simbolicamente, e non sono mancate: dalla proposta di presentarsi con gommoni, gonfiabili e coperte termiche, palese riferimento ai migranti lasciati in mare a bordo delle navi delle ONG; a portare con sé una copia della Costituzione; dagli striscioni appesi ai balconi al presidio con il viso coperto da un fazzoletto, tipico delle manifestazioni delle donne di “Non una di meno”. Poi c'è chi pensa ad una sorta di processione, con riferimento ai rosari e agli appelli alla protezione della Madonna invocata dal leader della Lega, chi pensa ad installazioni simboliche, chi vorrebbe che, in risposta a quello che viene ritenuto il menefreghismo salviniano per le persone, chiede che ognuno dei partecipanti alla manifestazione possa avere la possibilità di raccontare la sua storia e il perchè della sua adesione alla protesta.

Le idee, insomma, non mancano, tutto starà ora alla bravura degli organizzatori di coordinarle e convogliarle in qualcosa che rispetti davvero gli intenti di forte impatto ed efficacia anche mediatica. Il tempo, sicuramente, non è molto, ma in tanti si sono detti disponibili a dare una mano, tra domani e mercoledì, compresi anche due ragazzi di Milano, in vacanza qui alla Spezia, che hanno detto di volersi unire alla protesta ed affiancare gli spezzini anti-Salvini.

La proposta approvata dall'assemblea, dopo due ore di interventi e confronto, è stata quella di chiedere l'autorizzazione per un presidio in Piazza Mentana, mercoledì 14 agosto, dalle 18.30 a poco prima dell'inizio del comizio del leader della Lega, che al momento pare sia anticipato alle 20.00.

Poi ciascuno sarà libero di fare quello che vuole. Alcuni partecipanti all'assemblea non hanno nascosto la volontà di arrivare sin sotto al palco in Piazza del Bastione; altri sono stati più cauti, ravvisando il rischio: "Dobbiamo evitare gli scontri, quelli antidemocratici sono loro, non noi".

Preannunciate anche iniziative a spot in città nella giornata di domani 13 agosto.

 13-08-2019 16:54

Autore: Redazione Gazzetta della Spezia
Categoria: Cronaca La Spezia

Condividi!

Fai conoscere questa notizia anche ai tuoi amici!

Articolo Originale