Ritorna la Festa Rossa all'Arci CPO a Casano di Luni

Da venerdì 12 a domenica 14 luglio, torna nella sua terza edizione la "Festa Rossa" presso l'Arci CPO a Casano di Luni.


La festa è organizzata dal gruppo politico Officina Rossa, raggruppamento che tiene assieme forze politiche come Rifondazione Comunista ma soprattutto le tante anime della sinistra diffusa che non trovano casa nel panorama partitico e che localmente nei comuni di Luni e Castenuovo Magra hanno dato vita a questo esperimento di unità.

Dopo due anni anni di pausa l'Officina torna con la sua festa, forte del risultato da poco ottenuto nelle elezioni castelnovesi, con l'elezione di tre consiglieri comunali e con la presenza di un proprio rappresentante nelle giunte di entrambi i comuni.

Nella tre giorni ci sarà grande spazio alla ristorazione, con cucina aperta tutte le sere dalle ore 19.30 e anche domenica per il pranzo dalle 12.30; il menù è quello tipico della cucina locale con ravioli, testaroli, muscoli, carne alla griglia senza far mancare i piatti vegetariani. Il venerdì il programma della festa prevede una serata musicale con il concerto dalle ore 21.30 di gruppi giovanili emergenti con la partecipazione di Jinot, Maiorca, Venere Supertela e Alex Princeton.

Ad affiancare cucina e musica per tutta la serata (dalle 19 alle 24) il Set Fotografico Grottesco con a cura de Le Grottesche, che con i loro bizzarri travestimenti vi incorniceranno in un mondo surreale. Sabato si continua con la musica dei mitici Los Caimanos: la decennale band lericina accompagnerà il pubblico in un viaggio nella storia del rock 'n roll, passando dalla surf music e arrivando a note più combat per concludere la serata.

Sempre sabato sarà presente dalle 19 alle 24 il banchetto di raccolta firme del Comitato Popolare "Stefano Rodotà" per la Difesa dei Beni Pubblici e Comuni finalizzate al varo di una Legge di Iniziativa Popolare che introduca finalmente nel nostro ordinamento giuridico il concetto di Bene Comune.

La festa si conclude domenica con la ristorazione aperta sia a pranzo che a cena, e con un momento per i più piccoli e le loro famiglie: alle 18.30 lo spettacolo "Lo canto de li cunti" a cura della "raccontattrice" Fabrizia Giannini.

La voce è prolungamento del corpo, personaggi immaginati, si materializzano in oggetti animati, utilizzando il disegno, la lana, utensili di uso comune e attivano il processo creativo, "immaginativo" di chi ascolta. Parola, suono, immagine, emozioni: il seme del narrare, nasce e vive. si crea la storia.

 11-07-2019 20:00

Autore: Rifondazione comunista La Spezia
Categoria: Comunicati Culturali

Condividi!

Fai conoscere questa notizia anche ai tuoi amici!

Articolo Originale