Djokovic: "Dobbiamo chiudere prima le partite" In evidenza

Alla ripresa dei lavori in casa Spezia Calcio, è Damjan Djokovic a presentarsi nella sala polifunzionale del "Bruno Ferdeghini" per fare il punto della situazione dopo il pareggio del "Rigamonti".
Lunedì, 20 Marzo 2017 16:22
"A Brescia abbiamo interpretato un ottimo primo tempo, sia tatticamente che dal punto di vista dell'intensità, mentre nella ripresa, dopo il gol non dato a Granoche, abbiamo subito la rete del pareggio alla prima occasione creata dai nostri avversari; di certo avremmo dovuto chiudere prima la gara, ma alla fine portiamo a casa un punto che ci consente comunque di rimanere nei playoff ed ora è il momento di pensare già alla prossima sfida.

Io, Vignali e Valentini avremmo potuto fare meglio in zona gol, ma in generale abbiamo dato vita a tante giocate di qualità, mancando nella finalizzazione; dobbiamo essere più cattivi e concreti, ma la strada è quella giusta, perchè gara dopo gara riusciamo a creare sempre più pericoli alla porta avversaria, ripetendo sul campo quanto provato durante la settimana.

Normale che nei 90' di gioco anche gli avversari creino qualcosa, è praticamente impossibile non concedere neanche un minuto, ma con il Brescia, così come contro Avellino e Trapani, negli ultimi quindici minuti avremmo dovuto fare meglio, pertanto stiamo lavorando anche per questo; la squadra fisicamente sta bene, fattore importante anche in vista del finale di stagione, ed in rosa ci sono giocatori di assoluto livello, dobbiamo solamente ripetere in trasferta ciò che facciamo in casa.

Il gol non convalidato a Granoche? Non era facile da vedere e comunque bisogna accettare il fatto che anche gli arbitri possono sbagliare. Certo, la tecnologia potrebbe aiutarli, così come accade in Serie A, ma finchè certi mezzi non saranno allargati alle altre categorie, sarà meglio far gonfiare la rete per bene, giusto per non correre altri rischi.

Dal giorno del mio arrivo l'affiatamento è migliorato sempre più, io e Diego arrivavamo da un calcio diverso, ma ci siamo ambientati bene e personalmente mi sento di ringraziare società, staff tecnico e compagni: qui posso lavorare bene ed ogni settimana cresco sempre più.

Il finale di stagione? Ci attendono scontri che verranno giocati a viso aperto, contro squadre di alta classifica che metteranno in campo qualità e noi siamo pronti ad affrontarle; la classifica denota equilibrio ed io nutro grande fiducia in questo gruppo, che credo possa arrivare in una posizione di classifica molto importante.

Il Cittadella? Dovremo rimanere concentrati per tutti e 90' di gioco, ora forse sta andando un po' meno forte rispetto al girone d'andata, ma resta un'ottima squadra e toccherà a noi dare il massimo per tornare con i tre punti dal "Tombolato".

 

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Ac Spezia.com

Mimmo Di Carlo al termine del match non nasconde l'amarezza, complimentandosi però con i suoi per la reazione e per aver provato a pareggiare fino al triplice fischio finale. Leggi tutto
Ac Spezia.com
Non è bastato il suo quinto centro stagionale per consentire alle Aquile di passare il turno e Nenè al termine della partita non nasconde il rammarico per un'impresa soltanto sfiorata. Leggi tutto
Ac Spezia.com

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa