“Sao Tomé e Principe” varca i confini della provincia spezzina In evidenza

Giovedì 23 marzo alle ore 18 Giorgio Pagano presenta "Sao Tomé e Principe - Diario do centro do mundo" a Firenze, nella Sala Gigli di Palazzo del Pegaso (Via Cavour 4).
Lunedì, 20 Marzo 2017 10:21

Il Consiglio regionale della Toscana e il FAIT (Forum Attività Internazionali della Toscana) hanno organizzato la presentazione a Firenze del libro di Giorgio Pagano "Sao Tomé e Principe - Diario do centro do mundo". Interverranno Eugenio Giani, Presidente del Consiglio regionale della Toscana, Maria Stella Rognoni, docente di Storia e Istituzioni dell'Africa all'Università di Firenze, Monica Barni, Vicepresidente della Giunta regionale della Toscana. Modererà Alfiero Ciampolini, portavoce del FAIT. Sarà presente l'autore, che è Presidente dell'Associazione Funzionari senza Frontiere, molto attiva in Toscana e aderente al FAIT.

Il modello di cooperazione sperimentato a Sao Tomé e Principe tra 2015 e 2016 e teorizzato nel libro ha radici nell'esperienza e nell'elaborazione della cooperazione toscana, da tempo tesa a superare l'assistenzialismo e a dare centralità al ruolo dei territori e degli Enti locali.

"La mia esperienza a Sao Tomé e Principe - spiega Pagano - è l'esempio di una visione della cooperazione che non si riduce agli aiuti ma tende a far sì che le persone non siano assistite ma autonome, capaci di battersi per autogovernare le proprie vite, per e con gli altri; e che tende a costruire e a potenziare le strutture istituzionali, economiche e civili decentrate, che sono decisive perché le persone possano realizzarsi".

Nel libro è centrale inoltre la riflessione sul modello di sviluppo africano. Secondo l'autore "il rapporto tra cooperazione internazionale e internazionalizzazione delle imprese è decisivo, ma c'è bisogno di imprese straniere non predatrici ma responsabili sul piano sociale e ambientale, rispettose dell'identità dei luoghi... la progettualità che abbiamo messo in campo a Sao Tomé e Principe stimola l'arrivo di imprese di questo tipo, nella pesca come nell'agricoltura o nel turismo". Le imprese straniere devono collaborare con le imprese locali, perché "l'innovazione va portata dal di fuori ma al tempo stesso va fatta nascere dal di dentro, supportando le persone nei cambiamenti e suscitando la loro creatività".

Il libro, edito dalle Edizioni Cinque Terre, contiene il Diario dell'esperienza di Pagano a Sao Tomé e Principe, il saggio introduttivo "La 'nostra' Africa" e i capitoli "Dalla cooperazione tra Comuni al partenariato tra comunità", "Italia Mediterraneo Africa" e "L'esempio". Il libro, che ospita la Prefazione del professor Gian Paolo Calchi Novati e un contributo di Mario Giro, Viceministro agli Affari Esteri, è inoltre un reportage fotografico sulle "isole al centro del mondo", con 115 immagini.

(Foto: Enrico Amici)

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Ass. Culturale Mediterraneo

Secondo il maestro di strada ed esperto di politiche educative e sociali la scuola deve essere accogliente, inclusiva e rigorosa. Leggi tutto
Ass. Culturale Mediterraneo
Il Presidente dell'Associazione Mediterraneo ritiene che "molto dipende da loro, ma molto anche da noi". Leggi tutto
Ass. Culturale Mediterraneo

Articoli correlati

Nel complesso fieristico di Carrara, fino al 2 maggio, con Tuttocaca e Antiquamente. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Una giornata ricca di musica, teatro, storia, natura e danza da scoprire nelle vie del borgo. Leggi tutto
Comune di Lerici

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa