Come web e robot ci stanno rubando il lavoro, incontro con Riccardo Staglianò In evidenza

Il futuro è già arrivato, ma il suo esito è inevitabile? Ne parlerà martedì 21 marzo (ore 18.00) a Spazio 32 – biblioteca della Fondazione Carispezia e centro culturale – il giornalista e inviato di Repubblica Riccardo Staglianò, autore di Al posto tuo (Einaudi 2016), un'inchiesta sul rischio che l'aumento di automazione, software e connessioni web produca una diminuzione complessiva della forza lavoro nel mondo.
Giovedì, 16 Marzo 2017 17:19

In passato l'aumento della produttività dato dalla tecnologia si trasformava in ricchezza per la società. Oggi web e robot stanno uccidendo la classe media, e molti esperti del settore – da Bill Gates agli economisti del World Economic Forum – si interrogano sulla necessità di disciplinare l'inserimento di apparati tecnologici in tutte quelle mansioni che un tempo erano demandate ad esseri umani.

Qual è l'ultima volta che avete comprato un biglietto del treno allo sportello invece di farlo online? O un cd in un negozio di dischi? O che avete messo piede in banca? Non siete i soli. Il risultato individuale è una maggiore convenienza immediata, quello collettivo è la fine di quei lavori. È una schizofrenia che ci riguarda tutti. Le macchine hanno sempre rimpiazzato gli uomini. Prima però lo facevano nei compiti pesanti, colpendo i colletti blu. Ora sostituiscono il lavoro dei colletti bianchi. In passato l'aumento della produttività dato dalla tecnologia si trasformava in più ricchezza per la società: se uno perdeva il lavoro in manifattura ne trovava un altro nei servizi. Ormai le macchine corrono troppo forte e distruggono più posti di quanti non riescano a creare. Web e robot, dunque, dopo globalizzazione e finanza, stanno uccidendo la classe media. Perché più le macchine diventano a buon mercato, più gli esseri umani sembrano cari in confronto. Questo libro è un viaggio in un futuro che è già arrivato, a cui stiamo pagando un prezzo cruento, ma dall'esito non inevitabile. A patto che ce ne rendiamo conto, prendendo delle radicali contromisure.

Riccardo Staglianò (Viareggio, 1968) è inviato di Repubblica. Ha iniziato la sua carriera come corrispondente da New York per il mensile Reset, per poi passare al Corriere della Sera. Tra i riconoscimenti, ha vinto il Premio Ischia (sezione giovani). Per dieci anni ha insegnato Nuovi media alla Terza Università di Roma. È autore di numerosi libri, tra cui: Bill Gates. Una biografia non autorizzata (Feltrinelli, 2000), Grazie. Ecco perché senza immigrati saremmo perduti (Chiarelettere, 2010) e Occupy Wall Street (Chiarelettere, 2012). Ultimo uscito: Al posto tuo. Così web e robot ci stanno rubando il lavoro (Einaudi, 2016). È stato il curatore del TEDxReggioEmilia e del TEDxPisa.

Per informazioni:
tel. 0187 772339
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Facebook, Twitter, Instagram (@spazio32).

 

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Fondazione Carispezia

Nella sede di Fondazione Carispezia e al Castello Doria di Porto Venere tante emozionanti immagini in grande formato che raccontano un'esperienza esistenziale unica. Leggi tutto
Fondazione Carispezia
Giovedì 27 aprile, al Civico, un viaggio musicale nel Novecento. Anticipa il concerto la guida all’ascolto. Sabato 28 masterclass di Alexander Lonquich. Leggi tutto
Fondazione Carispezia

Articoli correlati

Proseguono gli incotri tra opposizione e cittadini. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Pubblichaimo la nota inviataci dal candidato sindaco alle amministrative 2017 Pierluigi Peracchini sul 25 Aprile. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa