I "ragazzi infreddoliti" dell'Arzelà pronti allo sciopero (foto) In evidenza

Gli studenti stanno preparando gli striscioni per lo sciopero di domani, Giovedì 12 gennaio: in strada per chiedere aule più calde.
Mercoledì, 11 Gennaio 2017 20:10

"La scuola è una colonna portante per costruire il nostro futuro, come possiamo costruire il nostro futuro se non riusciamo neanche a stare nelle classi per il freddo?": è il coro che si leva dai ragazzi dell'istituto Arzelà di Sarzana. Anche qui, in questi giorni post rientro dalle festività natalizie, locali freddi, con temperature al di sotto, di diversi gradi, dei 18 minimi di legge. Un problema, quindi, che non si è limitato ai soli istituti spezzini, dei quali abbiamo già parlato (cliccate qui), ma sembra essere piuttosto generalizzato.

"I termosifoni – proseguono gli studenti che stanno preparando gli striscioni con i quali scenderanno in strada per fare sentire la propria voce - funzionano ma male, sono termosifoni che sono stati messi quando la scuola è stata costruita, quindi si parla di 40 anni fa, oltretutto la scuola è molto grande e i caloriferi troppo piccoli per riscaldare tutto l'ambiente. Abbiamo provato a rivolgerci a chi di dovere per risolvere questo problema, ma il freddo è lo stesso e anche i termosifoni. Noi facciamo questo sciopero per farci sentire, ma da oggi vogliamo anche i fatti non solo le parole".

Uno sciopero che ha l'appoggio anche di molti genitori. Una mamma ci dice: "Siamo alle solite. Come ogni anno all'Arzelà di Sarzana si presenta il problema del riscaldamento mal funzionante. Come è possibile che la Provincia non intervenga in modo adeguato per risolvere questo problema? Ci vorrebbe semplicemente un po' di buon senso.
Non ci si può aspettare che gli alunni possano partecipare alle lezioni in modo corretto quando gli viene negato il più semplice dei diritti.
Un impianto di riscaldamento che funzioni.
Chiediamo a gran voce che le istituzioni si facciano carico di questo problema e che i ragazzi e i docenti di questo plesso scolastico vengano ascoltati".

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Evase le accise su 380mila litri di birra importata dalla Repubblica Ceca. Nei guai un imprenditore per "contrabbando di prodotti alcolici". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Operazione condotta con la tecnica della saturazione che, in tutto il Mediterraneo, solo la Marina Militare è in grado di adottare. Presente anche la figlia di Enzo Maiorca, che ricostruì… Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa