Giuseppe Bono è il nuovo presidente di Promostudi: "Non c'è nessun diritto al lavoro. Dobbiamo far capire ai giovani che cosa vuole da loro il Paese e cosa loro devono dare al Paese" In evidenza

Di Francesco Truscia - E' Giuseppe Bono il nuovo presidente di Promostudi, fondazione di partecipazione per la promozione degli studi universitari alla Spezia, che gestisce il Polo Universitario G. Marconi.

Martedì, 04 Ottobre 2016 16:35

Il neopresidente raccoglie il testimone dall'Ammiraglio Dino Nascetti, personaggio che ha fatto un lungo percorso nella Marina Militare Italiana diventando Direttore Generale delle costruzioni e delle armi navali del Ministero della Difesa. Data la carriera dell'Ammiraglio Nascetti nella M.M.I., con la sua nomina a presidente della Promostudi si voleva rafforzare la comunicazione tra la Marina Militare e il Polo Universitario; medesimo auspicio con la nomina di Giuseppe Bono per il rapporto tra mondo dell'Industria e Polo Universitario.

Soddisfazione generale da parte dei soci: da Matteo Melley Presidente della Fondazione Carispezia, a Gianfranco Bianchi Presidente della Confcommercio La Spezia, a Lorenzo Forcieri presidente dell'Autorità Portuale fino al sindaco Massimo Federici che dichiara: "Vorremmo che questo piccolo Polo Universitario che ha grandi possibilità di sviluppo e di crescita diventasse una realtà al servizio del Paese. Attorno ai temi del navale e del nautico siamo forti, in particolare nella produzione. Oggi chiediamo a Giuseppe Bono di rafforzare il rapporto tra università e la produzione stessa. La Spezia crede e investe molto in questo progetto, si tratta di cifre importanti per una città dalle medio-piccole dimensioni, lo sforzo che facciamo è gigantesco. Anche la nuova sede presso l'ex ospedale militare "Falcomatà" è stato un investimento quasi fuori misura date le dimensioni di questo territorio".

Grande è il compito che attende il neo-eletto Giuseppe Bono, che dalla sua ha sicuramente le competenze visto che allo stato attuale è: presidente di Confindustria Friuli Venezia Giulia, amministratore delegato di Fincantieri e da oggi anche presidente di Promostudi. "Non c'è più la voglia di investire e di fare in questo paese. Per noi lo studio ed il lavoro erano conquiste sociali, invece oggi ne abbiamo fatto una questione di diritto, ma non c'è nessun diritto al lavoro. L'Italia ne deve giustamente promuovere le condizioni, ma non lo deve mica dare! Questo è uno dei concetti basilari. Dobbiamo far capire ai giovani che cosa vuole da loro il paese e cosa loro devono dare al paese stesso. Davanti a noi abbiamo dieci anni fondamentali per il territorio e per il Paese." Queste le parole di Giuseppe Bono.

 

Autore
Vota questo articolo
(2 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

50enne bloccato in flagranza dai Carabinieri. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa