Pagano a Vernazza e Framura con il suo "Eppur bisogna ardir": "Ripartiamo dalle virtù civiche e morali" In evidenza

"Eppur bisogna ardir. La Spezia partigiana 1943-1945" di Giorgio Pagano ha fatto tappa anche a Vernazza e a Framura, per la diciannovesima e la ventesima presentazione.

Lunedì, 12 Settembre 2016 15:14

I Sindaci Vincenzo Rezasco e Andrea Da Passano hanno introdotto gli incontri. Rezasco ha insistito su due tratti salienti che emergono dal libro: "la Resistenza come moto popolare e il contributo dato dalle donne e dagli uomini semplici" e "la solidarietà e l'empatia con gli altri come elementi di fondo della concezione morale e politica della Resistenza". Da Passano ha parlato di un libro "che colpisce al cuore per come riesce a calarsi nelle storie di vita di quel tempo" e che "ci insegna, nella parte finale, come la lotta di liberazione sia una lotta quotidiana, da combattere ogni giorno contro il male e le ingiustizie".

Giorgio Pagano ha ricordato, in entrambe le iniziative, Pietro Gnecchi, uno dei nove partigiani della leggendaria battaglia del Lago Santo, scomparso pochi giorni fa: "Pietro non fu solo un eroe della Resistenza, fu una persona semplice, schietta e schiva, che diede tanto senza mai chiedere nulla... furono più duri per lui i 29 anni passati in miniera in Belgio che non quelli passati ai monti". Pagano ha così concluso: "I 140.000 minatori italiani in Belgio nel dopoguerra, accompagnati da 17.000 donne e 29.000 bambini, furono come i partigiani: ognuno a suo modo, 'Costruttori d'Europa'. Di un'Europa che sembra oggi dimenticare, accecata da egoismi nazionali, la basi stesse della sua costruzione. Il 31 marzo del 1944 si riunirono in clandestinità a Ginevra i rappresentanti dei nove movimenti resistenziali più importanti. La Dichiarazione finale auspicava un'Europa che garantisse diritti sociali, politici ed economici... Finita l'epoca dei partiti veri e radicati nel popolo, il nuovo Pantheon di cui oggi sentiamo il bisogno non è quello dei grandi leader, ma quello delle donne e degli uomini semplici, di tutti quegli italiani che, spesso indipendentemente dalla loro appartenenza politica, hanno costruito ogni giorno la nostra democrazia. E' da loro, dalle loro virtù civiche e morali, che dobbiamo ripartire per costruire l'Italia e l'Europa dei diritti".

 

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)
Ass. Culturale Mediterraneo

Corso Cavour, 221
19122 La Spezia

Tel. 345 6124287
Fax. 0187 732765

associazioneculturalemediterraneo.com/sp/

Ultimi da Ass. Culturale Mediterraneo

“LItalia che ha fiducia nell'Africa. Riflessioni su un'esperienza di cooperazione". Leggi tutto
Ass. Culturale Mediterraneo
Uno dei primi sei ragazzi della scuola di Barbiana ha ricordato la figura di don Lorenzo Milani a cinquant’anni dalla morte. Leggi tutto
Ass. Culturale Mediterraneo

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa