L'europarlamentare Brando Benifei ha incontrato gli allievi dell'Istituto U. Maddalena dell'O.N.F.A In evidenza

Una mattina di intenso confronto sui grandi temi dell' Europa, questo lunedi all'Istituto Umberto Maddalena dell'O.N.F.A., presso il Centro Logistico di Supporto Areale dell'Aeronautica Militare di Cadimare. Relatore dell'incontro l'on. Brando Benifei.

Martedì, 28 Giugno 2016 20:06

Un'occasione per comprendere il ruolo essenziale dell'UE nelle scelte che riguardano tutti noi e per parlare con gli allievi e le allieve presenti, di Economia, immigrazione, scambi e commercio internazionale, Lavoro e occupazione giovanile, programmi e fondi europei, sicurezza, politica estera ed emergenza profughi, fino alla recente questione Brexit e alle implicazioni che l'uscita della Gran Bretagna rappresenta per lo spazio
europeo. Il confronto si è soffermato sull'organizzazione, il ruolo e le competenze delle Istituzioni Europee e sulle attività parlamentari, con particolare riferimento agli affari esteri, all'occupazione e all'inclusione sociale.
Ad un pubblico particolarmente attento e preparato, a cui sono andati i complimenti del giovane parlamentare europeo, l'esortazione a rimanere curiosi e informati, a non accontentarsi di risposte "preconfezionate", ma di maturare un'opinione propria, con lo sforzo di guardare a cosa succede intorno a noi e di avere un ruolo attivo: comprendere il significato di essere cittadini d'Europa, per cogliere le opportunità che l'integrazione ci offre e per contribuire consapevolmente a migliorarla.


Esortazione ribadita nell'intervento di Gianmaria Cristina del Movimento Federalista Europeo, Associazione apartitica, fondata nel 1943 da Altiero Spinelli, uno dei Padri fondatori dell'Unione Europea che, all'indomani della Seconda guerra mondiale, avevano individuato nella creazione degli Stati Uniti d'Europa la possibilità di affermare stabilmente, nel Vecchio Continente, la pace, la libertà, la democrazia e la
prosperità.


Nella splendida cornice dell'Aeroporto di Cadimare, l'onorevole Benifei, accompagnato dal Ten. Col. Tartaglia, ha inoltre visitato l'istituto Umberto Maddalena, diretto dal Col. Giuseppe LAURIOLA, unica realtà nel suo genere per le FFAA italiane. L'aeroporto iniziò la sua attività il 1 gennaio 1929, costituendo negli anni '30 uno dei più attivi idroscali dell'Aeronautica: i suoi velivoli parteciparono alle trasvolate atlantiche organizzate da Italo Balbo, il cui ufficio è tutt'ora visitabile presso il circolo Ufficiali. L'Istituto Umberto Maddalena, qui ospitato, ha il compito di curare la formazione dei giovani volontari.


Al termine dell'incontro, l'Associazione Culturale Cadimare 2000 (promotore dell'evento insieme al Centro Europe Direct La Spezia) ha fatto omaggio di una targa speciale e di una pergamena in ricordo della giornata, con l'impegno reciproco dei presenti per una futura e proficua collaborazione, volta ad avvicinare i cittadini e gli studenti ai temi dell'UE e alle opportunità che l'Unione Europea costituisce per lo sviluppo
dei territori.

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Provincia della Spezia

Temi della rassegna di quest'anno sono l'infanzia, l'amicizia, l'adolescenza e la libertà di scelta trattati da diversi punti di vista. Leggi tutto
Provincia della Spezia
Il Presidente della Provincia della Spezia ribadisce l'importanza di intendere la viabilità come una rete che si estende al di sopra dei confini amministrativi. Leggi tutto
Provincia della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa