Cresce la raccolta differenziata in Liguria: Ameglia, Arcola e Framura superano il 65%, ma spezzina è anche la maglia nera Maissana In evidenza

Cresce la raccolta differenziata in Liguria, raggiungendo la quota del 38,63% a fronte del 35,90% del 2014. Salgono a 32 i Comuni che superano la percentuale del 65% di raccolta differenziata (erano 16 nel 2014).

Venerdì, 17 Giugno 2016 20:23


Nella provincia spezzina i comuni virtuosi sono Ameglia, Arcola e Framura. Spezzina, però, anche la maglia nera che spetta a Maissana: ferma ad un misero 7,68%.

 

Per quanto riguarda i capoluoghi di provincia, nel 2015 prima della regiAone è La Spezia che si attesta al 40,38%, seguita da Imperia (36,93 %), da Genova (34,57 %) e, infine, Savona, ferma al 31,62%.

I dati, riportati sul "Censimento rifiuti urbani" 2015, sono stati elaborati dall'Osservatorio regionale sui rifiuti e approvati oggi, durante la seduta della Giunta.


"Siamo sulla strada giusta. Questi dati - afferma l'assessore regionale all'Ambiente, Giacomo Giampedrone - dimostrano quanto sia stata fallimentare la politica messa in atto non solo a Savona e a Genova ma anche dalle passate amministrazioni regionali di centro sinistra che, scegliendo la strada dell'immobilismo e puntando solo sulle ed esclusivamente sullo smaltimento in discarica dei rifiuti, hanno determinato la situazione di emergenza a cui la Giunta Toti sta ponendo rimedio con grande incisività. L'incremento di raccolta differenziata in tutta la Liguria si deve in gran parte alla legge 20 che, approvata lo scorso anno, incentiva la raccolta differenziata, introducendo un meccanismo di premialità per i Comuni virtuosi e di penalizzazione per chi non si rimbocca le maniche. In questo modo potremo arrivare, entro il primo gennaio 2017, almeno al 45 % di raccolta differenziata, allineandoci alle altre regioni italiane".

"Ovviamente – prosegue l'assessore Giampedrone - non ci siamo fermati lì: il lavoro prosegue per arrivare ad un Piano organico in materia di rifiuti che consenta alla Liguria e a Genova in particolare di dotarsi degli impianti necessari così da non essere più costretta a mandare fuori regione la spazzatura indifferenziata, gravando sulle tasche dei cittadini. L'obiettivo è arrivare a trattare in casa, in tutta la Liguria, almeno l'organico, differenziato in modo corretto: questo – conclude - consentirebbe di abbattere di almeno il 30% il nostro monte rifiuti determinando, al contempo, un calo delle tariffe".


(fonte dichiarazioni: Regione Liguria)

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Luca Manfredini - “Manifesto di Marcha por la Paz” è il nome del progetto intrapreso da un gruppo di ragazzi insieme a due inconsapevoli (forse) asine, “Santiago/Roma/Jerusalem” a piedi… Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
All'Architetto Marco Tognetti ha esposto problematiche relative ad occupazioni abusive e necessità di interventi sugli edifici. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa