Treni,il grido d'allarme di un gruppo di cittadini del Levante: "Vista la conformazione della Liguria servono buoni collegamenti ferroviari, altrimenti le nostre comunità sono destinate a morire" In evidenza

Non sono solo dalle Cinque Terre; anche dalla Rivera arrivano lettere ed e-mail in Regione. La questione è sempre quella relativa al trasporto ferroviario.

Mercoledì, 11 Maggio 2016 11:17

Un gruppo di abitanti dei paesi della Riviera di Levante: Deiva Marina, Framura, Bonassola e Moneglia, infatti, ha scritto non solo all'assessore Berrino ed al Governatore Toti, ma anche ai singoli consiglieri regionali e gruppi politici rappresentati, oltre che ai sindaci del territorio, per fare sentire la propria voce e allargare anche a questa zona "affaire orario dei treni".

 

Ecco il testo della loro lettera:

"Siamo un gruppo di cittadini che utilizza il treno come mezzo di trasporto abituale e stiamo attraversando un periodo di grandissimo disagio.
E' entrato ormai in vigore da qualche mese il nuovo "orario cadenzato" e nella sua articolazione attuale si è rivelato un fallimento:
- aumento del prezzo del biglietto;
- treni delle Cinque Terre congestionati nei giorni di massima affluenza;
- tempi di percorrenza allungati a dismisura fino a rendere antieconomico l'utilizzo del treno.

Come Voi ben sapete la Liguria è una terra con caratteristiche molto diverse dalle altre Regioni del Nord Italia, è stretta e montuosa e sulla fascia costiera – soprattutto di Levante – manca il trasporto pubblico su strada, se si escludono i centri più grandi e quindi i piccoli paesi hanno la necessità di buoni collegamenti ferroviari: non si tratta di un capriccio ma del servizio minimo che può consentire alle nostre Comunità di non morire, di non diventare luoghi per turisti privi di anima, perdendo un patrimonio culturale, storico e ambientale che non sarà più possibile recuperare.

Poche, in sintesi, quelli che riteniamo essere le necessità principali da soddisfare
- collegamenti veloci e senza cambi con Genova e Chiavari (centro di riferimento per le scuole superiori)
- evitare l'eccessivo spezzettamento della linea con i cambi a Levanto e Sestri Levante.

Noi vorremmo con queste parole aprire uno spiraglio per un confronto costruttivo che possa portare al soddisfacimento delle esigenze di entrambi perché siamo certi che la Vostra volontà sia quella di far crescere la nostra bellissima Regione, partendo da un miglioramento dei servizi per chi ci abita e per chi ci viene a visitare".

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Luca Manfredini - “Manifesto di Marcha por la Paz” è il nome del progetto intrapreso da un gruppo di ragazzi insieme a due inconsapevoli (forse) asine, “Santiago/Roma/Jerusalem” a piedi… Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
All'Architetto Marco Tognetti ha esposto problematiche relative ad occupazioni abusive e necessità di interventi sugli edifici. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa