Battistini ad Eretta: "Concordo sullo sfascio della sanità spezzina. Ora scelga da che parte stare"

L'esponente PD chiede al Vicesindaco di Sarzana di impegnarsi concretamente per fare ripartire l'ospedale San Bartolomeo.

Mercoledì, 15 Settembre 2021 10:37
Ospedale Sant'Andrea della Spezia Ospedale Sant'Andrea della Spezia
Ho letto con attenzione la sintesi dell'intervento del dottor Costantino Eretta, Vicesindaco di Sarzana e medico di ASL5, e la trovo condivisibile.
Le condizioni in cui versa la Sanità spezzina sono ormai sotto gli occhi di tutti.
Quando però le critiche sulla gestione del sistema sanitario regionale arrivano proprio da chi siede in maggioranza significa che siamo difronte a una situazione di particolare gravità.

Costantino Eretta oltre ad essere un esponente politico della Lega è anche medico di ASL5. Ciò significa, quindi, che il suo pessimo giudizio sulla Giunta Toti in materia sanitaria è particolarmente autorevole, oltre che scevro da ogni probabile speculazione politica.

Le strutture, è vero, sono uno dei grossi problemi che affliggono l'ASL spezzina e la rendono poco appetibile sia da chi deve farsi curare sia dal personale sanitario. Non è un caso che molti medici e infermieri approdati alla Spezia poi fuggano, appena gli è possibile, altrove.

L'ospedale Sant'Andrea, che Eretta ha definito giustamente "catapecchia", avrebbe dovuto essere dismesso un anno fa con l'apertura del Nuovo Ospedale Felettino. Invece, grazie alla conduzione Toti, il cantiere è saltato e ci troviamo a dover tirar avanti, chissà per quanti anni ancora, col vecchio e malandato Sant'Andrea, più simile a un sanatorio dell'800 che ad un ospedale moderno.

Il San Bartolomeo di Sarzana, come altrettanto giustamente ha definito Eretta, è una struttura nuova, con enormi potenzialità, ma pare dimenticato dal Signore. Invece di essere riempito di contenuti, e sfruttato anche per aiutare un Sant'Andrea in visibile affanno, è scarsamente considerato e anzi continuamente svuotato di professionalità e servizi.
La chirurgia di elezione, quella programmata, che il dottor Eretta ha definito come nuovo faro per la Sanità del futuro è completamente bloccata e dallo scoppio della pandemia non ha più ripreso il suo vecchio ritmo.

Il territorio non funziona più. L'ospedale rimane davvero l'unico baluardo a difesa della salute dei cittadini ma, qui dissento da Eretta, non per colpa dei medici di famiglia. Le cause, semmai, sono da ricercare nella riforma voluta dall'ex Assessore Viale. Aver introdotto nelle ASL un nuovo direttore con competenze esclusive sull'aspetto distrettuale e territoriale, disgiunto dal Direttore Sanitario che invece si occupa delle cure ospedaliere, ha: aumentato ancora la spesa pubblica, sottratto risorse fondamentali al comparto operativo e ingessato ulteriormente il sistema.

Infine città importanti come Sarzana e come La Spezia hanno preferito, in questi ultimi anni, spendere i denari delle loro casse altrove piuttosto che nei servizi sociosanitari. Ciò ha peggiorato ulteriormente la qualità di vita dei cittadini esponendoli maggiormente al rischio di dover entrare nel circuito sanitario.

Al Vicesindaco di Sarzana dunque consiglio: parta subito da ciò che gli compete direttamente. Lasci perdere ciò che fabbrica più consenso elettorale e torni a investire sui servizi sociosanitari. Pretenda poi che il dottor Cavagnaro, DG di ASL5, venga a Sarzana non con le chiacchiere ma con un piano concreto per rimettere in funzione il San Bartolomeo, come chiesto dal Gruppo Consiliare del Partito Democratico. Serve subito una delibera che riattivi la Terapia Intensiva, rimetta in moto gli interventi chirurgici programmati e si impegni a mantenere attivo il Pronto Soccorso.

Ultimo, ma non ultimo, il nodo personale. Bisogna pretendere subito assunzioni: con una retribuzione congrua alle altre ASL, non solo liguri ma dei territori limitrofi, e soprattutto a tempo indeterminato. Abbiamo bisogno di medici e di infermieri.

Non c'è tempo da perdere. Costantino, devi scegliere da che parte stare: o con la politica privatistica di Toti o con la Sanità Pubblica!

Francesco Battistini
Partito Democratico

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)
...

Ultimi da Partito Democratico

La nota della Conferenza provinciale Democratiche La Spezia e del Coordinamento provinciale PD La Spezia. Leggi tutto
Partito Democratico
Quattro gli addebiti che i democratici imputano all'amministrazione Ponzanelli. Leggi tutto
Partito Democratico

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa