Morte Bob Brozman, il ricordo di Alessio Ambrosi

Cari amici, ormai tutti sapete la triste notizia. Un musicista e un uomo così grandi sono patrimonio dell'umanità e il mondo intero sta piangendo. Il nostro amico, il virtuoso, il genio Bob Brozman ci ha lasciati, non è e non sarà più con noi.
Venerdì, 26 Aprile 2013 21:54

Voglio prima di tutto ringraziare tutti quanti in queste ore hanno scritto, telefonato, mandato messaggi che erano così toccanti e testimoniavano l'amore, l'ammirazione e l'amicizia che tutti voi avevate per questo folle piccolo genio con la barba e gli occhialini, fenomeno su ogni tipo di corde. Saranno tutti presentati a sua moglie Haley, che tutti conoscevate, sempre al suo fianco, e che in queste ore sta tentando di fronteggiare migliaia, ma forse molte di più, testimonianze di affetto e gratitudine da tutto il mondo. Dai grandi musicisti, al barbiere o al Caffè Teatro di fronte alla Fortezza Firmafede di Sarzana, sono tutti sgomenti al pensiero che Bob non ci sia più. Lui era un musicista straordinario, ma un uomo della gente, umile e disponibile, un esempio e una ricchezza per tutti.

 

Per me e tutto lo staff organizzativo dell'Acoustic Guitar Meeting è un dolore immenso, ma sappiamo che Bob sarà sempre con noi e noi lo onereremo e ricorderemo per sempre, a cominciare dai prossimi 22-26 maggio. L'Acoustic Guitar Meeting va avanti, come il mio amico Bob vorrebbe senza dubbio, amava Sarzana, era la sua seconda casa. Per il dettaglio dei programmi, confermati comunque, aggiorneremo nelle prossime ore.

Non più tardi di 15 giorni fa scrivevo un commento per un suo nuovo lavoro, non sapevo che sarebbero state le ultime parole di presentazione su di lui. Questo è stato sempre il mio pensiero:
......attraverso gli anni l'ho conosciuto molto bene. Bob non è soltanto il più grande virtuoso su molti tipi di strumenti a corde oggi nel mondo, ma un uomo di un'intelligenza, energia, curiosità e gentilezza straordinarie. Per me, più di ogni altra cosa, è un grande amico, un compagno di idee e ideali, la prova vivente di quello che ho sempre pensato dovesse essere un musicista in questo mondo.....

Questo che segue, per citare un commento di uno di voi che lo amavate così tanto, è un ricordo di Bob toccante. Grazie Roberto per il bene che gli hai voluto e gli vorrai:
....se ne va un mio punto di riferimento, non solo musicale, anzi, umano e culturale. Da lui ho imparato che la musica non è il fine, ma un mezzo. L'antifascismo, il pacifismo, la sete di cultura, l'onestà intellettuale, la passione e mille altre doti confluivano in quell'incredibile mondo sonoro che quell'omino con la barba, a volte buffo e a volte pazzo, produceva. Prima incredulo, poi ammaliato e alla fine consapevole dell'unicità di Bob.....

Ciao grande Bob!

Alessio Ambrosi, direttore artistico Acoustic Guitar Meeting

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Economia del mare, tecnologia e turismo, Guerri e Nascetti tracciano la rotta Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Riceviamo e pubblichiamo la nota di Massimo Baldino Caratozzolo. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

3 commenti

  • Link al commento africasottosopra onlus Domenica, 05 Maggio 2013 22:03 inviato da africasottosopra onlus

    Un grande musicista, distante e distaccato dal mondo della musica commerciale, dominata dal facile e veloce guadagno che inevitabilmente uccide l’incanto e la magia della vera arte.

    Bob infattti, non si è lasciato fagocitare da un sistema discografico che spesso distrugge la creatività di un artista. La sua musica era coerente con il suo modo di vivere, senza discrepanze e falsità.

    Sempre fuori dal coro, e sempre dentro l’animo più pulito e sublime dell’arte musicale. Studio, ricerca, passione e rispetto erano le sue regole artistiche e umane.

    E’ stato un onore conoscerlo per tutti noi di Africasottosopra e sicuramente per tutti gli amici che hanno avuto la fortuna di assistere ad un suo concerto.

    un grande abbraccio a Haley
    Il gruppo di africasottosopra onlus roma

  • Link al commento Claudio Bellato Lunedì, 29 Aprile 2013 11:47 inviato da Claudio Bellato

    Ha ragione Alessio ..Bob era un patrimonio dell'umanità, me lo ricordo di prima mattina a Sarzana con le scolaresche mentre suonava il suo cajon e mandava tutti con le mani all'aria con i suoi ritmi appresi in giro per il mondo e modificati ,disponibile ed umile con tutti ..Un musicista di quella statura......il suo amore per la terra...

  • Link al commento Anna Pantaleoni Sabato, 27 Aprile 2013 12:28 inviato da Anna Pantaleoni

    Sì, siamo tutti sgomenti per questa triste notizia. Concordo pienamente con le parole di Alessio e di Roberto - non potrei aggiungere altro se non il fatto che venire a sapere della morte di una persona che ho conosciuto per poche ore mi abbia lasciato addosso una tristezza incredibile. Era evidentemente una persona che toccava le corde più intime delle persone con cui veniva a contatto e la sua energia, i suoi ideali e la sua umanità erano contaggiosi. Abbiamo veramente perso un uomo speciale e unico, ma abbiamo la fortuna di avere ancora la sua musica. Tutto il mio affetto va a Haley, anche lei una grande donna.

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa