Genova, Laghezza: "Un codice di guerra per il Commissario Bucci" In evidenza

Il presidente degli spedizionieri spezzini chiede certezze sui tempi della ricostruzione, fondamentali per il mercato logistico.

Mercoledì, 10 Ottobre 2018 15:58


“Il Sindaco Bucci, commissario per l’emergenza di Genova. La scelta migliore, ma è ora necessario e indispensabile costruire trincee e ammucchiare sacchi di sabbia per consentirgli di operare al di fuori di ogni schema, evitando di incorrere in rischi giudiziari, esposti e ricorsi che produrrebbero effetti letali sulla tempistica dei lavori facendo permanere quell’incertezza che nel mondo della logistica e nelle logiche della merce rappresenta il peggiore nemico. In altre parole il commissario deve disporre di un vero e proprio Codice di guerra”.
A esprimersi cosi è Alessandro Laghezza, presidente degli spedizionieri della Spezia, sceso già in più di un’occasione in campo a rimarcare l’importanza determinante che il nodo di Genova ha per l’intero sistema di trasporto e di logistica del Paese, per le industrie e per il sistema della distribuzione.

 

L’ attenzione - secondo Laghezza - va ora concentrata sull’articolo 1 del cosiddetto decreto Genova. Un decreto unico nel suo genere perché pronuncia una sentenza ancora prima che si istruisca un processo, e perché non garantisce alcuna copertura non solo nei confronti di un ipotetico ricorso della società Autostrade ma anche nei confronti di altri concessionari autostradali, esclusi a prescindere anche nella prospettiva tutta da verificare di una gara internazionale dai tempi imprevedibili.

“Ancora una volta – afferma Laghezza, ricordando la necessità sottolineata dal presidente della Regione Liguria, Toti, di operare certo con il cuore, “ma anche con il cervello” - l’attenzione è da concentrare su due aspetti che forse sono stati sottovalutati e che hanno forse peso ancor maggiore dell’entità degli stanziamenti. Il primo è relativo all’effettiva libertà che viene concessa al commissario per operare al di fuori delle norme, mettendolo al sicuro dai blocchi che potrebbero essere attuati utilizzando l’arma dei ricorsi. E in quest’ottica deve essere tenuto in particolare considerazione il pericolo-autostrade ovvero che la concessionaria, esclusa e revocata, possa disporre di poteri legali di interdizione”.

“Il secondo aspetto – prosegue il presidente degli spedizionieri spezzini – è il fattore certezza: nella logistica l’unico strumento per difendere i clienti e i traffici consiste nella capacità di attenuare il rischio incertezza, fornendo previsioni e date precise ad esempio dell’entrata in funzione di nuovi sistemi di viabilità alternativi al ponte, all’inizio e al completamento della demolizione, alla prospettiva effettiva di entrata in servizio del nuovo ponte. Solo così il porto potrà difendere la sua credibilità e presentarsi alla merce con una prospettiva di certezze. Prospettiva credibile solo trovando all’interno degli articoli 2 e 6 del Decreto anche una possibilità di rafforzare in modo decisivo gli organici e le strutture delle amministrazioni adibite ai controlli, prima fra tutte quella delle Dogane”.

Infine, secondo Alessandro Laghezza, il commissario dovrà attuare una massiccia operazione trasparenza nei confronti della sua clientela e in particolare della merce fornendo addirittura quotidianamente tutte le informazioni operative sulle misure anti emergenza e sulle loro tempistiche.

 

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il cimitero, una frana, la situazione delle strade sono tra le criticità segnalate. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Un braccialetto per Genova

Giovedì, 18 Ottobre 2018 19:58 cronaca
La nuova campagna solidale della Fiaip arriva alla Spezia. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa