Crociere, si apre la stagione di Costa: “Crediamo in questa amministrazione” In evidenza

di Gabriele Cocchi – Il ricorso di Discover non preoccupa l’Autorità portuale. Project financing? “Abbiamo i muscoli anche per presentarci da soli”, dice Palomba.

Lunedì, 09 Aprile 2018 16:53

 

Mantellina, ombrello e passo svelto. A fare da cornice all’avvio ufficiale della gestione dei servizi crocieristici da parte di Costa Crociere, questa mattina, ci hanno pensato nutriti gruppi di turisti, appena sbarcati dalla nave Costa Victoria e intenti a girare in centro sotto la pioggia battente.

Nel frattempo, al terminal di largo Fiorillo, la presidente dell’Autorità di sistema portuale Carla Roncallo e il direttore generale della compagnia Neil Palomba presentavano l’avvio della “nuova stagione” delle crociere in salsa spezzina.

Qualche settimana fa, infatti, Costa si è aggiudicata la gara indetta dall’Authority per l’affidamento (per 6 mesi, prorogabili di altri 4) della gestione della stazione crocieristica e dell’imbarco-sbarco dei passeggeri. Ma l’esito della gara “ponte” non è andato giù al precedente gestore dei servizi, la società Discover, che ha presentato un ricorso al Tar, dando il la alle dimissioni dal cda del vicepresidente Gianfranco Bianchi (Confcommercio) e del consigliere Angelo Matellini (Cna) in segno di protesta. Una piccola grande bufera che ha fatto notizia anche al di fuori del recinto degli addetti ai lavori.

Costa e l’Autorità Portuale però, a dispetto della mossa di Discover, tirano dritti, e non sembrano preoccuparsi troppo delle eventuali conseguenze del ricorso. “La giustizia amministrativa ovviamente farà il suo corso – ha osservato Roncallo – ma noi andiamo avanti, non potremmo fare diversamente. Personalmente non sono particolarmente preoccupata”.

Per il 2018 Costa ha in programma un totale di 20 scali, pari a una previsione di circa 60.000 passeggeri movimentati. Dopo Costa Victoria (75.000 tonnellate di stazza e 2.934 ospiti totali), che arriverà tutti i lunedì sino al 21 maggio, sarà la volta di Costa Magica (103.000 tonnellate di stazza lorda e 3.470 ospiti totali), dal 16 settembre al 21 novembre, tutte le domeniche. Un ulteriore incremento del traffico crocieristico spezzino arriverà da Aida Cruises, compagnia tedesca del gruppo Costa, che effettuerà 5 scali per circa 11.000 passeggeri movimentati.

“Crediamo in Spezia, in questa amministrazione e crediamo anche di poter costruire un rapporto che ci permetta di convivere con la popolazione”, ha aggiunto Palomba.

Il 2019, invece, sarà segnato dal debutto della nuova ammiraglia della compagnia Costa Smeralda (180.000 tonnellate di stazza lorda e 6.600 ospiti totali), attualmente in costruzione a Turku, in Finlandia. “Avrà come seconda casa il porto della Spezia”, ha spiegato Palomba. 49 gli scali del gruppo previsti nel corso del prossimo anno, pari a una previsione di 255.000 passeggeri movimentati.

“Mi congratulo con Costa Crociere che sta costruendo un rapporto di continuità nella speranza che La Spezia possa diventare uno scalo di riferimento attrattivo anche per le altre compagnie – ha commentato il sindaco Pierluigi Peracchini – In questo senso continueremo a lavorare diventando una destinazione turistica peculiare e non solo un gate per altri territori”.

Sullo sfondo, in ogni caso, resta l’interrogativo della gara di project financing (non ancora avviata) per la costruzione della nuova stazione crocieristica, da cui Costa – Msc e Royal Carribean permettendo – non vorrà certamente restare fuori. “Il project sta andando avanti, si tratta di procedure molto complesse, uscirà un bando di gara”, ha precisato Roncallo.

Ma a confermare l’interesse della compagnia per un progetto che vada ben oltre i 10 mesi della gara “ponte” sono arrivate le parole di Palomba: “Guardiamo alla Spezia a lungo termine: per noi questa gara ponte è un’occasione che ci dà la possibilità di dare una dimostrazione chiara del nostro impegno e delle nostre capacità. Il messaggio è che Costa c’è – ha proseguito il direttore generale – Se loro (Msc e Royal Carribean, ndr) ritengono opportuno farci entrare in questo progetto a lungo termine bene, altrimenti abbiamo i muscoli e i numeri per presentarci da soli. Non ho visto il loro project, non so quali siano i volumi di passeggeri contemplati”.

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Grande folla per la giornata di apertura. Visibili anche alcuni mezzi che si uniranno alla Colonna della Libertà. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Per una 50enne si sono aperte le porte del carcere. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa