Cozzani dall'assemblea di Confindustria dà la sveglia ai politici e alla città In evidenza

"Occorre progettare e decidere in fretta, il non fare costa; basta burocrazia". Francesca Cozzani apre l'assemblea pubblica di Confindustria a Villa Marigola, alla presenza del presidente nazionale Vincenzo Boccia, con una relazione intensa e articolata sulla situazione economica della nostra provincia. E non lesina stimoli e anche qualche (elegante) strigliata alla politica.

Martedì, 07 Marzo 2017 17:39

"La città e la politica", ha detto la presidente di Confindustria La Spezia Cozzani, "non si rendono conto di quanto costi il 'non fare'. Abbiamo bisogno non di un libro dei sogni ma di un progetto credibile per realizzare La Spezia città di domani".

E da questo inizio ha inanellato tutta una serie di osservazioni, analisi e suggerimenti sui vari temi della nostra economia. A cominciare dal porto ("abbiamo perso un anno in diatribe e discussioni: i ritardi costano!"), per passare poi alla sua visione delle esigenze del fronte a mare ("dobbiamo decidere se seguire l'esigenza dei cittadini di continuare a tenere la barca dove l'hanno sempre tenuta oppure raddoppiare l'occupazione dei terminalisti e sviluppare nuove attività portuali e nuova occupazione anche di diverse centinaia di posti").
E, per rimanere sul mare, il tema delle crociere ("gli operatori investono e fanno crescere i traffici dove c'è affidabilità, dove c'è un territorio che non litiga, una politica e un'amministrazione che diano risposte. Non dobbiamo rischiare di vedere le navi andare altrove"). E ancora sul piano portuale ("c'è, anche se vecchio, dobbiamo attuarlo per non perdere il treno").

Ma occorre affrontare un nemico temibile: la burocrazia che frena l'impresa e crea ritardi pericolosi ("le nostre aziende sono soffocate dalla burocrazia, la semplificazione e l'efficienza pubblica sono importanti per lo sviluppo del territorio"). E poi il tema del turismo: "Dobbiamo attirare investimenti. Urgono investimenti in strutture alberghiere per la fascia alta e congressuale. E nuove occasioni di attrazione turistica: non solo le bellezze delle Cinque Terre ma anche le eccellenza museali").

E dopo un'analisi sui numeri dell'occupazione nella nostra provincia, Francesca Cozzani ha sollecitato le imprese a dare una spinta agli investimenti per reggere le nuove sfide. E ancora rivolta alla politica cittadina: "Servono progetti di un certo respiro, dobbiamo aumentare l'attrattività del nostro territorio, avere centri direzionali e progettuali delle aziende che sono presenti".

E a proposito dell'ipotesi di vendita di ACAM: "Chiediamo ai politici locali di riflettere bene sulle cessioni delle aziende nel settore energetico, come ACAM; non possiamo portare fuori del territorio le direzioni in grado di stabilire le tariffe energetiche delle nostre imprese. Queste decisioni devono portare una riduzione dei costi dell'energia".

Parole anche sul Piano Brin della Marina: "I ritardi dei finanziamenti stanno impattando negativamente. Anche in questo caso la politica è in ritardo. E sulle nuove aree occorre avere un progetto strategico e non solo immobiliare. Sulle aree militari del golfo ci sono molti interessi. Dobbiamo tenere un colloquio costante con la Marina".

E per finire la dismissione della centrale ENEL, decisa in coerenza con la loro strategia nazionale: "La chiusura della centrale è un'occasione che potrebbe portare grandi opportunità: Enel investirà in progetti innovativi. Siamo grati a Enel di studiare il caso della Spezia a parte, avendo affidato a ENEA il progetto di riutilizzo dell'area che lascerà".

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Accuse al vetriolo tra maggioranza e opposizione. Dopo cinque ore votata all'unanimità la mozione urgente del centrodestra per ribadire il no al carbone. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Prima di tutto è necessario prestare la massima attenzione agli sbalzi di temperatura troppo elevati. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa