Allevamenti in sofferenza, Coldiretti a sindaci spezzini e genovesi: "Approvare Odg per tutelarli". Pressing anche su Federici e Doria In evidenza

Il settore zootecnico, in particolare la filiera lattiero casearia, stanno registrando uno stato di profonda sofferenza. Gravi squilibri nelle dinamiche tra domanda e offerta e nel prezzo del latte pagato alla stalla, un'etichettatura che non consente un'adeguata distinzione dei prodotti nazionali da quelli importati e l'impressionate calo delle stalle (passate da 45mila a 36mila negli ultimi 7 anni; da 220 a 131 in Liguria) sono soltanto alcuni degli aspetti di questa preoccupante situazioni.

Giovedì, 05 Febbraio 2015 16:54
E le istituzioni sono chiamate a intervenire, tanto più l'attuale situazione delle imprese di allevamento va a scontrarsi palesemente con il tema centrale di Expo 2015, vale a dire il cibo e i prodotti dell'eccellenza agroalimentare italiana. Coldiretti, in prima linea anche in questa battaglia, ha deciso di chiamare a una presa di posizione i consigli comunali e provinciali. Un'azione che ha visto attivarsi anche Coldiretti Genova e Coldiretti La Spezia, che, a questo scopo, hanno scritto ai sindaci dei Comuni delle due province, al sindaco della Città Metropolitana di Genova, Marco Doria, e al presidente della Provincia della Spezia, Massimo Federici, inviando loro una bozza di ordine del giorno ad hoc.

L'approvazione di quest'ultima porterebbe gli enti comunali e provinciali a impegnarsi - si legge nella proposta Coldiretti - per "assicurare un monitoraggio della filiera lattiera casearia nel territorio, provvedendo alla raccolta di dati relativi alla produzione ed all'importazione di  latte e prodotti caseari, rendendo pubblici i dati disponibili relativi alle importazioni di latte e di prodotti con derivati del latte; sollecitare le Regioni a istituire appositi tavoli di concertazione con l'obiettivo di favorire il consolidamento di una logica di leale collaborazione tra le parti che permetta la programmazione delle attività produttive nella filiera zootecnica e del latte e, in attuazione della disciplina comunitaria, assicuri contrattazioni nel settore lattiero caseario che perseguano le finalità di ottimizzare i costi di produzione e di stabilizzare i prezzi alla produzione; promuovere e assicurare un leale confronto tra le parti che permetta di garantire un prezzo equo del latte alla stalla per gli allevatori, la valorizzazione della qualità del latte regionale e l'identità del territorio che lo produce; segnalare eventuali abusi e anomalie di mercato riscontrati nel territorio in modo da garantire il pronto intervento dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato contro le forme di concorrenza sleale e gli abusi di posizione dominante nel mercato del latte; supportare la definizione di un quadro generale di riferimento necessario per la tutela delle posizioni contrattuali degli allevatori, svolgendo un ruolo di propulsione e di mediazione, nel rispetto delle normali regole della concorrenza, con l'obiettivo di garantire equi accordi tra le parti per la determinazione del prezzo del latte a tutela delle prospettive di sviluppo della zootecnia e della convenienza e qualità dei consumi; potenziare le attività di controllo sul territorio, al fine di verificare i prezzi della vendita al consumo e di prevenire e combattere condotte commerciali scorrette e abusive,  frodi e contraffazioni nel settore, per garantire che venga chiamato formaggio solo ciò che deriva dal latte e non da prodotti diversi e per assicurare l'effettiva applicazione della legge che vieta pratiche di commercio sleale; promuovere iniziative locali per il consumo del latte e dei formaggi di qualità, soprattutto   nelle scuole e nelle mense pubbliche; realizzare un piano organico di promozione del latte e delle produzioni locali e nazionali".

L'iniziativa di Coldiretti ha il pieno sostegno di Lega Consumatori Liguria e Genova, presiedute da Alberto Martorelli.

Oltre alla proposta di ordine del giorno, Coldiretti La Spezia e Coldiretti Genova - rispettivamente presiedute da Michele Menoni e Germano Gadina; direttore per entrambe le province Domenico Pautasso - hanno fatto arrivare sui tavoli di Federici, Doria e dei primi cittadini di spezzino e genovese, dettagliata documentazione sulla situazione del latte e degli allevatori italiani - quei dati alla base della grande mobilitazione nazionale di venerdì 6 febbraio: "Un giorno da allevatore" - e una risoluzione con la quale XIII Commissione Agricoltura impegna l'attuale governo a precise azioni e condotte a sostegno del settore.

Sta ora alle istituzioni raccogliere l'appello di Coldiretti e delle imprese di allevamento, dimostrando nei fatti la volontà di difendere il Made in Italy.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
Coldiretti

Via XXIV Maggio,
19124 La Spezia

Tel. 0187 736041

www.laspezia.coldiretti.it/

Ultimi da Coldiretti

Cercare di tornare alla normalità per non danneggiare le aziende del territorio e l'immagine turistica conquistata dalla Liguria negli anni. Leggi tutto
Coldiretti
L'annuncio di Coldiretti Liguria. Leggi tutto
Coldiretti

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa