Nautica: più flessibilità per competere sul mercato! In evidenza

Puntare sulla flessibilità per superare una crisi che, per la nautica e la navalmeccanica, sta diventando devastante. È il leitmotiv che sta guidando in questi anni le aziende dello spezzino, un tempo riunite in un distretto spirato per consunzione.

Venerdì, 07 Settembre 2012 12:01

Chi è specializzato nella costruzione di piattaforme offshore si adatta a realizzare gru scaricacontainer; chi operava nelle manutenzioni di motori e nella meccanica navale si confronta con un mercato notevolmente depresso e si rivolge all'estero. E un po' tutte le aziende dell'indotto, che un tempo lavoravano nei cantieri spezzini, oggi mandano le maestranze a operare in altre regioni.

Anche molti grandi, peraltro, hanno deciso di diversificare. Un esempio è Fincantieri: al Muggiano, fino al 2004, si costruivano solo unità militari. Ma quell'anno il gruppo decise, sull'onda del buon andamento della nautica (la caduta del settore sarebbe arrivata quattro anni dopo), di entrare nel settore dei megayacht di lusso, dai 70 metri in su, per non fare concorrenza alla maggioranza dei cantieri nautici italiani, specializzati in barche meno grandi.

Forte delle capacità tecnologiche acquisite proprio con la costruzione di navi militari, il gruppo ha realizzato uno yacht da 136 metri, il Serene, iniziato a costruire nel 2006 e consegnato nel 2011 a un armatore russo. Intanto, la crisi era scoppiata, pesando anche sulla produzione da diporto di Fincantieri, che solo nel 2010, dopo un paio di ordini cancellati, ha iniziato la costruzione di un altro megayacht, il Victory, da 140 metri (consegna prevista nel 2014).

Si tratta di unità che possono valere oltre 400 milioni di euro, quindi rivolte ad armatori super ricchi, che restano fra i pochi clienti del settore della nautica a non essere (troppo) spaventati dalla crisi. Fincantieri fa sapere, infatti, di avere diverse trattative in corso per nuovi megayacht e di vedere una leggera ripresa nella nicchia di mercato dell'extralusso. Il che permette di sperare che, per l'intero distretto spezzino, si profili un futuro migliore del presente.

 

 

 

 

 

 

fonte: il Sole XXIV ore

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Ameglia, assalto al bancomat

Sabato, 29 Febbraio 2020 09:38 cronaca-ameglia
Dopo Caniparola è toccato alla Carige di Ameglia. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
La finale si terrà a fine Marzo all’ Abetone. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa