Appeso a un filo l'ammodernamento della Pontremolese In evidenza

di Gino Ragnetti

LA SPEZIA ‒ Fra qualche giorno sapremo se sul raddoppio della linea ferroviaria Pontremolese potremo ancora sperarci o se dovremo farci una bella croce sopra.

Giovedì, 16 Agosto 2012 18:38
Entro la fine del mese, infatti, dovrebbe essere firmato un nuovo contratto di programma fra Rfi e il governo comprendente ‒ ci si augura ‒ il finanziamento del raddoppio della Parma-Vicofertile, una tratta ancora a binario unico, strategica per la funzionalità dell'intera linea. Secondo quanto riferisce Gian Luca Zurlini sulla Gazzetta di Parma di oggi, nel contratto dovrebbero essere reinseriti i 235 milioni necessari per realizzare quell'opera; in caso contrario la possibilità di disporre in tempi non biblici di una dcecente ferrovia Parma-La Spezia sarebbe ridotta al lumicino.

D'altronde, se è vero che nei decenni trascorsi si è fatto qualche passo avanti, è altresì vero che molti ancora ne restano da fare per il totale raddoppio della linea. Sinora sono state ammodernate solo le tratte fra Pontremoli e Santo Stefano Magra sul versante ligure-toscano, e tra Solignano e Ghiare di Berceto nel versante parmense.

Un bel progresso si farebbe con la Parma-Vicofertile, nuovo tracciato a due binari e per buona parte in galleria, ma come per magia 235 milioni che già erano stati assegnati pochi mesi fa sono d'improvviso scomparsi, volatilizzati.

Come ricorda Zurlini, risale addirittura al 29 aprile 2004 il primo accordo tra Comune di Parma, Regione Emilia-Romagna e Rete Ferroviaria Italiana (Rfi) per lo spostamento del tracciato che oggi corre su un solo binario in piena città di Parma e in mezzo alle case. Occorsero tuttavia cinque anni (8 aprile 2009) perché il governo finalmente annunciasse lo stanziamento di 234,6 milioni di euro per realizzare il nuovo tratto insieme ai 48 milioni per la progettazione esecutiva della nuova galleria di valico della Parma-La Spezia.

Da quel momento ci sono voluti altri due anni e mezzo perché la conferenza dei servizi arrivasse alla conclusione dei suoi lavori. Nel dicembre scorso, comunque, tutto era ormai pronto per procedere alla stesura del progetto definitivo, fase che prelude all'indizione della gara di appalto.

"Ma a questo punto ‒ racconta il collega parmense ‒ arriva la doccia fredda: un decreto del governo Berlusconi sancisce infatti che vengano definanziate tutte le opere pubbliche non individuate come strategiche che non siano state appaltate entro la fine del 2011. E così, senza che le Ferrovie, mai apparse troppo entusiaste sulla realizzazione della nuova Pontremolese, facciano opposizione i 234,6 milioni di euro vengono tolti".

E allora, non resta che vedere che cosa succederà adesso; se, come si dice, a fine mese ci sarà la firma del nuovo contratto di programma e se in quel programma sarà contemplato il rifinanziamento della Parma-Vicofertile, bene, altrimenti, i treni continueranno per chissà quanto ancora a viaggiare su un solo binario proprio in mezzo alle case "e con ogni probabilità ‒ dice Zurlini ‒ verrebbe anche rinviato a tempi indefiniti ogni progetto di completamento dell'ammodernamento della Pontremolese".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Gino Ragnetti

Spezia? Non è zona sismica. Però...

Domenica, 30 Giugno 2013 17:30 cronaca
di Gino Ragnetti LA SPEZIA – Ma Spezia, è zona sismica o no? Siamo in pericolo anche noi come gli amici dell'Emilia? È questa ormai la domanda che ricorre più… Leggi tutto
Gino Ragnetti
GENOVA. E' stato siglato questa mattina in commissione consiliare salute un accordo sulla proposta operativa, presentata dall'ARS, l'agenzia regionale della sanità, per la messa a regime dei nuovi presidi per… Leggi tutto
Gino Ragnetti

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa