Molinari (Federmoda Confcommercio): "Situazione difficile, ma la qualità dei negozi spezzini è alta" In evidenza

Conferenza stampa di Federmoda Confcommercio questa mattina, presso la sede spezzina dell'associazione, in via Fontevivo.

Mercoledì, 03 Luglio 2013 12:42

Il presidente di Federmoda, Giorgio Molinari, ha parlato del preoccupante calo dei consumi emerso da uno studio di cartaSi; un calo che ha fatto registrare il -13% inerentemente al settore dell'abbigliamento. Tra le cause, anche la "mancanza" della primavera, e la conseguente permanenza dei capi di stagione. E adesso è tempo di saldi (LINK), 45 giorni d'estate in cui si potranno fare compere a miglior mercato.

"In sei mesi hanno chiuso 87 esercizi commerciali", spiega Molinari, che però è fiducioso: "Lo spessore di negozi della Spezia è di livello superiore rispetto ad altre aree. I clienti degli associati Federmoda (ben 180, ndr) sono protetti dalla qualità dell'offerta e dalla serietà dei negozianti".

L'ottimismo e le energie ci sono, ma il futuro si preannuncia comunque difficile. "Anche l'outlet di Brugnato erediterà la crisi", prevede Molinari. "E i giovani della Val di vara", si domanda, "Che futuro avranno? Tutta la vita da precario, lavorando 6 ore al giorno".

Ricordiamo che nel 2009 è stato siglato da Confcommercio con Adiconsum, Adoc e Federconsumatori l'accordo "Saldi Chiari", un accordo confermato anche per quest'anno. La locandina di "Saldi Chiari" è in allegato. A seguire, il comunicato relativo all'accordo:

L'operazione saldi chiari è il primo accordo realizzato nella provincia della Spezia da una associazione di categoria, in questo caso la Nostra Confcommercio e tre sigli di associazioni tutelanti i consumatori finali, ovvero ADICONSUM, ADOC e FEDERCONSUMATORI.
L'adesione all'operazione "Saldi Chiari" comporta, per l'operatore commerciale, l'impegno a rispettare le norme presenti e future in materia di vendite speciali di fine stagione e saldi.
Le suddette norme contemplano diversi aspetti che possono interessare gli acquisti di prodotti nei periodi appunto di saldi, durante i quali negli anni passati operatori e clienti poco informati si sono trovati alcune volte in errore non riuscendo così a concludere la rispettiva "trattativa" nel miglior modo possibile.
In tale accordo vengono dunque inserirti i passaggi più importanti al fine di svolgere al meglio il proprio lavoro e per approfittare di acquisti a prezzi scontati:
CARTE DI CREDITO: Durante le vendite di fine stagione o saldi l'operatore commerciale non potrà rifiutare il pagamento della vendita a mezzo carte di credito se in possesso di P.O.S.; potrà richiedere un documento d'identità del cliente così come previsto dalla contrattualistica delle carte di credito.

PROVA dei PRODOTTI: Durante l'acquisto di prodotti di fine stagione o saldi il cliente ha diritto di provare i capi per verificare la corrispondenza della taglia e il gradimento del prodotto; sono esclusi dalla facoltà di prova, i prodotti rientranti nella categoria della biancheria intima, costumi da bagno e di quei prodotti che per consuetudine non vengono normalmente provati.

CAMBI della MERCE: Durante le vendite di fine stagione o saldi l'operatore commerciale si impegna a sostituire entro 8 (otto) giorni dall'acquisto, i capi che presentano gravi vizi occulti, come peraltro già previsto dalle norme del C.C. art. 1476,1490, 1492 e 1495. Nel caso di non corrispondenza della taglia, il capo verrà sostituito con uno della taglia richiesta, se disponibile, in caso contrario con prodotti disponibili all'atto della sostituzione. Qualora non fosse possibile la sostituzione per mancato gradimento del cliente, l'operatore commerciale rilascerà un buono acquisto di pari importo del prezzo pagato relativo ai capi da sostituire, spendibile fino al termine dei saldi successivi. Lo scontrino fiscale dovrà essere allegato al suddetto buono acquisto.
RIPARAZIONI: Qualora il costo per l'adattamento o la riparazione dei capi acquistati fosse a carico del cliente, l'operatore commerciale dovrà darne preventiva informazione al cliente e dovrà inoltre esporre, ben visibile, un cartello informativo nel quale dichiari espressamente che: "le riparazioni sono a carico del cliente".

PUBBLICITA': L'accettazione ed il rispetto del seguente accordo, dà diritto agli operatori commerciali aderenti di esporre nelle proprie vetrine ed all'interno degli esercizi commerciali, il materiale informativo; locandine, manifesti e quant'altro verrà predisposto e distribuito annualmente dalle Organizzazioni promotrici.

INFORMATIVA: Vengono messi a disposizione degli operatori commerciali e dei consumatori, nel periodo dei saldi gennaio/febbraio e luglio/agosto i numeri telefonici sotto indicati, in funzione tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00 e dalle ore 15.00 alle ore 17.00 e che potrà essere utilizzato per ogni informazione sull'operazione "Saldi Chiari".
RECAPITI INFO SALDI:
Confcommercio 0187 598511 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Adiconsum 0187 253241 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Adoc 0187 777527 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Federconsumatori 0187 547111 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

OSSERVATORIO e CONTENZIOSO: L'adesione al presente accordo comporta, per l'operatore commerciale, il rispetto delle norme di comportamento in esso contenute. Il controllo della corretta osservanza dell'accordo è demandata ad un apposito "osservatorio" costituito fra le Organizzazioni sindacali dei commercianti e le Organizzazioni dei consumatori. L'osservatorio, qualora riscontrasse irregolarità nella gestione dell'operazione "Saldi Chiari" da parte dell'operatore commerciale aderente, potrà inibire all'operatore stesso, la possibilità di esposizione del materiale pubblicitario relativo all'operazione in questione ed escludere l'azienda dal circuito "Saldi Chiari". In caso di contenzioso, il consumatore potrà rivolgersi, in prima istanza, ad una qualunque delle Organizzazioni sottoscrittrici del presente accordo che provvederà ad avvertire gli altri sottoscrittori. Il contenzioso potrà essere risolto tra le parti per le vie brevi. Qualora ciò non fosse possibile si darà luogo ad un tentativo di conciliazione formale tra le parti firmatarie del presente accordo per dirimere la controversia.

(3 luglio)

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Download allegati:
Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

L’alluvione di ieri ha alzato il livello del fiume Magra che ha trascinato via l’ultimo mezzo rimasto sul ponte crollato di Albiano. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa