Imballaggi industriali alimentari e tecnologie, il futuro del confezionamento

I vantaggi delle nanotecnologie,

Lunedì, 18 Gennaio 2021 17:24


Gli imballaggi industriali per alimenti sono un tassello importantissimo della filiera che porta un cibo dal produttore al consumatore.


Hanno la funzione di proteggere l’alimento, ma anche di consentirne una vendita più semplice, così come un trasporto agevole.

 

Agli occhi di un consumatore potrebbe apparire banale la creazione di un nuovo imballaggio industriale per gli alimenti, ma non è affatto così.
Anzi, negli ultimi anni è stato possibile studiare l’impiego delle nuove tecnologie anche per il settore degli imballaggi industriali alimentari.

Vediamo che cosa sarà possibile aspettarsi dal futuro di questa industria grazie alla collaborazione con le realtà tecnologiche.

Imballaggi industriali per gli alimenti, le nanotecnologie

Negli ultimi vent’anni le così dette nanotecnologie si stanno imponendo sempre di più nel settore dei materiali, e anche in quello degli imballaggi industriali.
Questo perché, grazie alla collaborazione con questo settore è oggi possibile garantire agli imballi migliori prestazioni sotto ogni punto di vista.

Essenzialmente, le nanoparticelle possono essere combinate allo scopo di creare dei nanocomposti; questi avranno prestazioni nettamente superiori rispetto a quelle di altri materiali.

Si possono già vedere alcune applicazioni delle nanotecnologie nel settore alimentare, ad esempio per il coating, sia quello singolo sia a multistrato.

Si trovano composti di questo tipo nei nanocristalli e nelle nanofibre di cellulosa, e si parlerà di nanocomposti nel momento in cui si prendano in considerazione particelle che vanno da 0,1 fino a 100 nanometri.

Attualmente, i regolamenti europei hanno posto delle limitazioni rispetto all’uso dei nanocomposti, ma questo non deve far pensare che non siano sicuri, solo che non siano ancora stati sufficientemente impiegati per parlare di effetti su larga scala.

I benefici delle nanotecnologie nell’imballaggio degli alimenti

Gli imballaggi industriali per gli alimenti, com’è già stato indicato, hanno già visto l’applicazione di queste nuove tecnologie.
È per questo che si può sottolineare come i benefici dell’impiego delle nanotecnologie nel settore alimentare siano provati.

Vediamo alcune delle risultanze dell’utilizzo delle nanotecnologie nel settore alimentare:

• Prestazioni migliori
Alcune nanotecnologie hanno la facoltà di rendere più resistenti agli agenti esterni gli imballaggi. Con l’impiego di questi materiali, quindi, sarà possibile ridurre l’impiego di materiali dannosi e, al tempo stesso, garantire altissime prestazioni.

• Conservazione più semplice
Altri materiali offrono all’imballaggio industriale una maggiore possibilità di conservare l’alimento.
Ad esempio, esistono imballaggi che hanno una funzione antimicrobica, che consentirà di ridurre le possibilità che il cibo si degradi velocemente.
Addirittura, alcuni di questi imballaggi industriali per gli alimenti hanno la possibilità di “catturare” l’ossigeno presente nell’ambiente esterno in modo da evitare che l’alimento si deteriori, oppure si secchi troppo, come può accadere con i vegetali.

• Un monitoraggio più semplice
Infine, alcune particelle nanometriche hanno anche una funzione di “comunicazione” con l’esterno.
In particolare, sono già stati creati imballi per gli alimenti che indicano a chi li osservi la condizione del cibo, il tempo restante per poterlo consumare e così via.
Si parla, in questi casi, di imballaggi “intelligenti” che hanno lo scopo di informare il consumatore in merito allo stato del prodotto.
L’informazione, quindi, può riguardare lo stato di conservazione, di maturazione, ma anche la presenza delle promozioni, oppure la tracciabilità del prodotto e della sua filiera.
In questi casi, i nanomateriali possono servire allo scopo di creare dei nanocircuiti che contengono informazioni specifiche, o sensori che rilevano sostanze particolari.
Ecco che, quindi, la collaborazione tra le nuove tecnologie e l’industria alimentare può portare ad ottimi risultati, soprattutto per la limitazione dello spreco e la tutela della salute.

Imballaggi industriali alimentari e nanotecnologie, cosa considerare

Infine, prima di mettere sul mercato un imballaggio che sia realizzato con nanomateriali sarà essenziale considerare alcuni aspetti fondamentali.

In primo luogo, bisognerà controllare che la sostanza sia un nanomateriale secondo quella che è la normativa di riferimento: dovrà avere più del 50% di particelle comprese tra 1 e 100 nm.

In secondo luogo, bisognerà controllare e dimostrare che il nanomateriale sia utilizzato in conformità rispetto alle restrizioni legate all’autorizzazione concessa, e che, ovviamente, non “migri” nel prodotto.

Quindi, pur indicando l’efficacia e la qualità dei nanomateriali sarà sempre necessario porre l’accento sulla sicurezza di queste nuove tecnologie, soprattutto nel momento in cui si decida di impiegarle per la creazione di imballaggi destinati al mercato dei generi alimentari.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa