"Il commercio paga le conseguenze delle incertezze sulle chiusure"

L'intervento del presidente di Fipe Confcommercio La Spezia Marco Buticchi.

Giovedì, 17 Dicembre 2020 12:25
Marco Buticchi Marco Buticchi

"L'incertezza che il 'semaforo' delle chiusure per rischio epidemico trasmette ai settori produttivi del Paese è dirompente".

Sono le parole di Marco Buticchi, presidente di Fipe Confcommercio La Spezia.

"A pagarne le conseguenze più gravi è il commercio, già messo in ginocchio da dieci mesi di sostanziale inattività - prosegue Buticchi - Pensate solo alla ristorazione e ai pubblici esercizi: nel lampeggiare di verdi, gialli e rossi, i ristoratori si erano rassegnati a lavorare in tono dimesso per le festività natalizie. Ma pur sempre a lavorare. Per fare ciò avevano raccolto prenotazioni, formalizzato ordini, acquistato merci. In questi minuti si deciderà se, pur in sicurezza e con le prescrizioni del caso, si potranno ricevere almeno clienti contingentati. Se scatterà il rosso, saranno mancati incassi e ordini buttati al vento in uno dei momenti più difficili per il settore in tutta la storia repubblicana. Analoghe considerazioni valgono per il commercio cittadino: dopo aver invogliato a far ripartire gli scambi, ecco che si addossa alle compere natalizie la responsabilità di un eventuale riaccendersi della pandemia e si minaccia una nuova chiusura totale".

"Ciò che gli operatori del commercio e dei pubblici esercizi cittadini chiedono non sono elemosine, ma certezze: la loro stessa esistenza viene messa in forse dalle marcate insicurezze delle istituzioni - osserva ancora Buticchi - Scaricare poi addosso ai settori produttivi del Paese ogni colpa del diffondersi del contagio non fa onore a chi dovrebbe, per primo, assumersi il peso delle proprie scelte. Vero è che, in gran parte dei Paesi europei, la serrata sarà estesa alle festività a seguito di un'unica e univoca decisione presa per tempo. Le categorie danneggiate, poi, saranno compensate fino al novanta per cento dei costi sostenuti nella precedente stagione. I nostri operatori, invece, confusi dal lampeggiare dei semafori, ancora aspettano con sempre minore fiducia che qualcuno conceda loro i ristori promessi. E intanto, intere vite di lavoro navigano in acque tempestose per l'altrui incertezza".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...
Confcommercio

Via Fontevivo 19f

19125 La Spezia

www.confcommerciolaspezia.it/

Ultimi da Confcommercio

Paghe e contributi, al via il corso

Mercoledì, 01 Dicembre 2021 09:39 comunicati-economia
Le lezioni avranno inizio lunedì 10 gennaio nella sede di Confcommercio, in via Fontevivo Leggi tutto
Confcommercio
I soi possono partecipare all'iniziativa portando i prodotti che vogliono donare nella sede di Via Fontevivo alla Spezia. Leggi tutto
Confcommercio

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa