Cura e manutenzione degli pneumatici invernali

Negli ultimi anni il meteo ha fatto registrare inverni difficili su tutta la penisola, anche al Sud dove di norma sono sempre stati più miti.

Domenica, 11 Ottobre 2020 00:56

Per affrontare con tranquillità le condizioni stagionali avverse, gli automobilisti più saggi si affidano agli pneumatici invernali, che grazie alla loro speciale mescola e scolpitura del battistrada offrono le performances migliori e garantiscono sicurezza anche su neve, ghiaccio, fango e pioggia. 

Sai come è fatto lo pneumatico invernale?

Si accennava poco fa alla mescola degli pneumatici invernali, molto più ricchi di gomma naturale e silice rispetto agli estivi. Questa particolare composizione conferisce morbidezza e flessibilità alla gomma in modo da garantire una migliore aderenza anche quando la temperatura diminuisce scendendo sotto i 7°C, ovvero quando la mescola degli estivi e talvolta anche dei 4 Stagioni inizia ad irrigidirsi poiché prodotti con un tipo di mescola più compatta.

Come funziona lo pneumatico invernale?

Lo pneumatico invernale si riconosce immediatamente perché presenta una scolpitura profonda e ben disegnata, con due tipi diversi di scanalature.

Le scanalature più sottili penetrano nella neve, nel fango e nel ghiaccio consentendo un drenaggio più rapido dell’acqua e migliorando così la frenata, quelle più profonde trattengono neve, ghiaccio e acqua migliorando l’aderenza ed evitando pericolosi slittamenti. 

Pochi controlli da effettuare sempre

Ricordiamo però che per sfruttare al massimo le caratteristiche della gomma, ricavarne i migliori benefici e farla durare di più, sono fondamentali cura e manutenzione.

E Importante controllare l'efficienza dei pneumatici molto spesso, facendolo manterranno le loro peculiarità ovvero riduzione degli spazi di frenata, migliore aderenza su fondo bagnato, ghiacciato o innevato, migliore tenuta di strada, più comfort e facilità di guida, sensibile riduzione del rischio di aquaplaning, il fenomeno per cui la pioggia si raccoglie davanti alle gomme più velocemente di quanto l’auto riesca a disperderla. In questo modo si crea uno strato di acqua tra pneumatico e asfalto che lo rende scivoloso e sono frequenti gli incidenti a causa della perdita di controllo dell’auto.

Sono tante le variabili che contribuiscono al consumo dello pneumatico e non sempre la responsabilità è dell’ automobilista, che però deve fare attenzione a mantenere sempre uno stile di guida corretto, che non sforzi troppo il battistrada, e a non sovraccaricare l’ auto, in modo da evitare di gravare con il peso sugli pneumatici, unico punto di contatto tra vettura e asfalto.

La condizione dell'asfalto è un altro dato importante per una buona conservazione delle gomme invernali, è consigliabile infatti sostituirle alla scadenza di legge del 15 aprile poiché l’asfalto bollente delle nostre estati torride provocherebbe un'accelerazione del consumo.

Sono consigliabili inoltre controlli frequenti dell'integrità del battistrada, soprattutto la spalla: la presenza di deformazioni o anomalie rischiano di annullare le peculiarità della gomma e anzi la rendono pericolosa, in questo caso è buona norma sostituirla.

Oggi troviamo sul mercato un’offerta veramente ampia di marche e tipi di gomme e sono sempre più ormai gli automobilisti che si rivolgono al web per acquistare gli pneumatici.

Negozi on-line come per esempio pneuzilla.com leader di mercato, offrono prezzi competitivi e una gamma infinita di prodotti oltre ad una ottima assistenza post-vendita.

La pressione delle gomme è un'altra variabile da non sottovalutare poiché incide in maniera importante su integrità e consumo della gomma.

Se la pressione infatti è più bassa di quella consigliata dal produttore si deteriorano eccessivamente i lati del battistrada, diminuisce l'aderenza e aumentano i consumi di carburante.

Al contrario, se la pressione è troppo alta, si consumerà troppo rapidamente la parte centrale del battistrada.

Per sapere con esattezza quando, per legge, è necessario sostituire i pneumatici, vi ricordiamo che il Codice della Strada regolamenta a 1,6 mm lo spessore del battistrada, soglia sotto la quale è fortemente compromessa l'affidabilità della gomma.

Per mantenere in buone condizioni i pneumatici invernali quando, alla scadenza del 15 aprile, li sostituiremo con gli estivi, è necessario conservarli in luoghi freschi e asciutti, privi di umidità e al riparo da sole e calore.

E’ comunque consigliabile un controllo prima di rimontarli anche se riposti nelle migliori condizioni.

Una soluzione comoda per evitare la sostituzione stagionale del treno di gomme, da utilizzarsi unicamente in aree geografiche dove il clima è quasi sempre mite, mai troppo freddo o caldo, è dotare la vostra auto di pneumatici All Season o 4 Stagioni, un buon compromesso tra gli estivi e gli invernali.

Oggi le case produttrici sono in grado di offrire anche in questo ambito prodotti di elevata qualità, ottima affidabilità e buone performances 365 giorni l’anno.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il ringraziamento per il lavoro quotidiano, non solo nelle missioni speciali, ma anche al fianco della popolazione per la lotta al Covid-19. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
I brani più celebri dei film saranno eseguiti dall'Ensemble Hyperion, con la partecipazione speciale della cantante Manča Cerar. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Notice: Undefined property: K2ViewItem::$relatedItems in /home/uxhnwmag/domains/gazzettadellaspezia.it/public_html/templates/ja_teline_v/html/com_k2/default/item_tagrel_w2l.php on line 3

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa