Una nuova forma di turismo sostenibile: il volontariato ambientale

Negli ultimi anni si è sviluppata una nuova forma di turismo che si allontana dal modello di massa costituito intorno alla fine degli anni 70.

Venerdì, 18 Settembre 2020 02:00

Oggi le persone cercano esperienze differenti dal minor impatto ambientale nei luoghi che si visitano.

Per essere sostenibile il turismo deve infatti apportare miglioramenti nei luoghi che si visitano, non distruggerli: il classico hotel vicino costa che distrugge il paesaggio non è più un modello che si vuole continuare a percorrere.

L'ecoturismo apporta dei benefici specialmente in quelle zone del mondo dove la fonte economica derivante dai viaggiatori internazionali è spesso l'unica fonte alternativa alla distruzione ambientale.

Laddove troviamo un motivo di visita come ad esempio una specie animale simbolo o un paesaggio particolarmente interessante, si innesca tutto quel meccanismo virtuoso che porta alla protezione del territorio e dallo sviluppo di attività collegate alla presenza di turisti.

Una branca innovativa e ancora di nicchia è quella del cosidetto “volonturismo” un fenomeno in rapida crescita specialmente nei viaggiatori più giovani.

Specialmente popolare soprattutto in Regno Unito e Stati Uniti, anche da noi in Italia sta crescendo questa opportunità di unire il viaggio con il volontariato in paesi dove ci sono poche opportunità sostenibili alternative alla distruzione del territorio.

Dove fare volontariato ambientale: alcuni esempi

Pochi forse sanno che sono molto numerose le destinazioni per chi decide di organizzare un viaggio alternativo all'insegna della tutela ambientale.

Qui di seguito alcuni esempi sia vicini che lontani:

ITALIA: anche il nostro paese nel corso di questi ultimi anni si è attrezzato per questo tipo di viaggio lavoro.

E' innegabile che il nostro meraviglioso patrimonio naturalistico che nel secolo scorso ha subito gravi danni, ha ora bisogno di persone consapevoli capaci con il loro impegno di contribuire alla risoluzione di alcune problematiche ambientali.

In Italia ci sono diverse opportunità di volontariato ambientale. Pensiamo ad esempio all'opportunità di unirsi alle tante associazioni che nei fine settimana si incontrano per la pulizia delle spiaggie, oppure aiutare i ricercatori nello studio scientifico dei cetacei, o ancora nel monitoraggio dei nidi di tartarughe marine che scelgono i nostri litorali per la deposizione delle uova.

Chi invece preferisce l'entroterra, può unirsi alle attività dei parchi nazionali che ogni anno accettano volontari per il controllo del territorio, per il censimento di specie animali e vegetali e per lo svolgimento delle normali attività del parco.

GRECIA: con le migliaia di isole e chilometri di costa, la Grecia offre uno dei paesaggi più straordinari dell'intero bacino del Mar Mediterraneo. Le coste della Grecia sono inoltre l'ultimo rifugio per una specie simbolo che in passato ha subito un forte declino, la foca monaca.

L’obiettivo delle associazioni presenti sul territorio che accettano volontari italiani è quello di studiare le popolazioni e di monitorare la salute dell’habitat e le dinamiche delle popolazioni di foca monaca in Grecia.

Uno degli scopi è quello di contribuire alla definizione delle“Aree Marine Protette”, e il supporto alle azioni di conservazione e alle politiche di gestione per proteggere i mammiferi marini e le altre specie.

In Grecia inoltre puoi trovare tanti progetti legati allo sviluppo sostenibile e l’applicazione di risorse rinnovabili di piccola scala.

SUDAFRICA: nel continente africano sicuramente il Sudafrica è il paese meglio organizzato in quanto all'organizzazione di viaggi volontariato per l'ambiente.

Qui avrai l'incredibile opportunità di lavorare a contatto con la fauna africana simbolo del continente come i big five (leoni, elefanti, rinoceronti, leopardi, bufali).

Puoi consultare l'ampio database fornito dall'associazione ecologista Keep the Planet che da anni si impegna nella formazione e nell'aiuto dei volontari italiani in cerca di un'ottima esperienza all'estero.

INDONESIA: una delle destinazioni naturalistiche più desiderate dell'Asia che tuttavia sta affrontando una serie di problematiche ambientali che minacciano la biodiversità dello stato arcipelago.

Per contrastare queste minacce si è creata un importante rete di associazioni ed enti che lottano per la tutela dell'ambiente.

Qui puoi lavorare per la conservazione di specie uniche ed incredibili come gli orangotango, gli orsi della luna e il rinoceronte di Sumatra.

THAILANDIA: il paese ha un alto numero di associazioni e centri di recupero per la fauna selvatica che accettano volontari internazionali che desiderano vivere un'esperienza a contatto con la natura.

Non solo destinazioni prettamente turistiche, ma anche volontariato in zone remote che ti avvicinerà ai locali, diventerai uno di loro mentre lavori per la conservazioni di specie animali e vegetali in pericolo di estinzione.

ECUADOR: dalla foresta amazzonica all'incredibile arcipelago delle Isole Galapagos, questo piccolo, ma grande paese ti offrirà dei paesaggi unici nel quale immergerti insieme alla popolazione per la conservazione del territorio e del patrimonio naturalistico dell'Ecuador.

Qui troveranno occasioni di lavoro sia gli amanti del mare che si dirigeranno verso le Galapagos, sia coloro che sono interessati alla conservazione degli ultimi angoli della foresta amazzonica purtroppo minacciata dalle attività umane.

COSTA RICA: uno dei pochissimi paesi al mondo ad abolire l'esercito e proteggere gran parte del territorio sotto forma di parchi nazionali, tra i paesi del centroamerica il Costa Rica è quello che più ha da offrire per i volontari ambientali. Tanti progetti di conservazione, dalla tutela delle foreste, al monitoraggio delle tartarughe marine, qui c'è l'imbarazzo della scelta.

 

 



È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

"La cultura è ben più di un sacrificabile passatempo." Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Il rifornimento di LNG su Costa Smeralda ha visto la collaborazione di Guardia Costiera, Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale, autorità e operatori locali, Shell e Gruppo Costa. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa