Stampa questa pagina

Primi passi sul web: come e dove acquistare hosting e dominio

La creazione di un portale non si può improvvisare

Mercoledì, 26 Agosto 2020 06:36

Per dare vita a un sito web con Wordpress, il primo passo da compiere consiste nella registrazione di un dominio, a cui devono seguire la sottoscrizione di un piano di hosting e l’installazione di un CMS. Non bisogna essere convinti del fatto che chiunque sia in grado di realizzare un sito web professionale: la creazione di un portale, infatti, non si può improvvisare se non si hanno competenze ad hoc come quelle che un’agenzia o un professionista del settore possono mettere a disposizione.

La registrazione del dominio

Come si è visto, lo step iniziale per la costruzione di un sito web è la registrazione di un dominio, che corrisponde all’Url del sito. In altri termini è l’indirizzo che deve essere digitato per poter atterrare sul sito in questione. Nel momento in cui si compra un dominio, sono molteplici i fattori che devono essere presi in considerazione, ma ciò che più conta è tener presente che tale elemento non potrà essere modificato con il passare del tempo. Ma come si fa a scegliere un dominio idoneo? L’ideale sarebbe puntare su un dominio breve e memorabile, facile da scrivere e da pronunciare. Si può scegliere se richiedere un dominio gratuito, come avviene facendo riferimento a Wordpress, o se registrarne uno a pagamento. Chiaramente la seconda soluzione è da preferire quando si vuol trasmettere la sensazione di un sito professionale.

Che cosa bisogna sapere prima di comprare un dominio

Il dominio è contenuto nell’Url di tutte le pagine di un certo sito web e serve a identificare il sito stesso in modo univoco. Non di rado il dominio è venduto in abbinamento con l’hosting, mentre in alcuni casi può essere compreso per il primo anno in forma gratuita. Per quel che riguarda i prezzi, in genere si rimane tra i 10 e i 15 euro. Di solito acquistando un dominio si ottiene il diritto a usufruire di alcuni servizi extra, tra cui la casella mail. Un pannello per la gestione autonoma del DNS, che è il Domain Name System, si può rivelare utile nel caso in cui si abbia in mente di usufruire di un piano di hosting di un provider differente dal provider che ha consentito la registrazione del dominio: così sarà possibile collegare il server con il dominio.

Il piano di hosting

L’hosting è, in pratica, la realtà che ospita il sito web: esso invia al sito la richiesta di accesso che si concretizza nel momento in cui viene digitato un Url attraverso il browser. Gli hosting cosiddetti shared sono quelli che costano meno, oltre ad essere i più diffusi: come il loro attributo lascia intuire, prevedono una condivisione del server con altri siti. In alternativa si può optare per un hosting dedicato, che assicura una flessibilità maggiore anche se costa un po’ di più. Ovviamente le prestazioni offerte sono migliori, ma non si può fare a meno di questa soluzione quando si possiede un sito con una grande quantità di traffico.

Webhosting.it

Webhosting.it è la realtà a cui ci si può affidare quando si ha la necessità di acquistare un servizio di hosting. Le formule a disposizione dei potenziali acquirenti sono 4, contraddistinte da condizioni e caratteristiche diverse, ideali per assecondare qualsiasi tipo di esigenza: la più conveniente in termini di costi è la formula Bronzo, mentre quella più completa, con traffico senza limiti, è la formula Platino. In ogni caso le tariffe sono decisamente ridotte: pochi euro al mese per usufruire di un servizio che offre gli standard di sicurezza migliori, ma soprattutto la certezza di poter contare su un supporto costante e su un’assistenza operativa in qualsiasi momento della giornata.

A che cosa serve l’hosting

Si può considerare l’hosting come una specie di abbonamento a cui si ricorre allo scopo di beneficiare di uno spazio server che viene messo a disposizione dal provider selezionato. La scelta dell’hosting non deve essere sottovalutata, perché un hosting sbagliato può essere fonte di disagi e di inconvenienti: si pensi a messaggi di posta elettronica che non arrivano, a server database che rispondono dopo troppo tempo, a upload troppo lenti dei file, e così via. Il server non è altro che un computer fisico ubicato in un centro dati, identificato da un indirizzo IP che permette di raggiungere il sito. I domini servono a sostituire gli indirizzi IP, i quali sono solo numeri.

Guida all’acquisto del dominio

Sarebbe preferibile essere in possesso di specifiche competenze informatiche se si ha in mente di comprare uno spazio web con tanto di dominio. Potrebbe essere necessario, tra l’altro, provvedere all’installazione del CMS con un software preinstallato o tramite FTP. Gli hosting e i domini gratuiti ovviamente assicurano la massima convenienza economica ma obbligano a servirsi di un dominio di terzo livello; per di più mettono a disposizione uno spazio di archiviazione ridotto e non permettono di attivare circuiti pubblicitari.

L’installazione di Wordpress

Wordpress è un CMS, sigla che sta per Content Management System: senza di questo non può essere creato un sito web. Un CMS, infatti, è un software attraverso il quale viene codificato un linguaggio di programmazione in un’ottica di gestione dei contenuti. Wordpress non è il solo CMS a cui ci si possa affidare: tra gli altri vale la pena di menzionare Drupal e Joomla. Il ricorso a un CMS rappresenta il modo più facile e più conveniente dal punto di vista economico per creare un sito web. La diffusione di Wordpress è tale da consentire di soddisfare qualsiasi tipo di necessità.

Perché proprio Wordpress

La semplicità di utilizzo è senza dubbio uno dei motivi più importanti per i quali si dovrebbe far ricorso a Wordpress per la creazione di un sito web, ma tra i suoi pregi vale la pena di mettere in evidenza anche la flessibilità. Se in principio era stato concepito per i blog, adesso consente di creare siti di ogni genere, ma anche applicazioni e e-commerce. Le sue funzionalità, poi, possono essere estese dai plugin, molti dei quali gratis.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

La riflessione di Maria Cristina Failla, Presidente della Consulta Provinciale Femminile della Spezia Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Le nuove generazioni in prima linea contro l’inquinamento delle coste e del mare causato da dispositivi di protezione anti-covid con Costa Crociere Foundation Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa