Aspirapolveri Dyson, tutte le caratteristiche da conoscere

Chi ha in mente di comprare un’aspirapolvere Dyson dovrebbe essere consapevole dei punti di forza e dei potenziali difetti dei prodotti di questo marchio.

Lunedì, 27 Luglio 2020 06:49

Come si può essere certi di trovare il modello giusto per le proprie esigenze? Lo abbiamo chiesto al team di Figevida.it, e-commerce italiano di ricambi per elettrodomestici.

I pregi delle aspirapolveri Dyson

Uno dei vantaggi più significativi delle aspirapolveri Dyson è la mancanza di fili. Le scope elettriche di questo brand, infatti, sono prive di cavi elettrici. Come è facile intuire, poter contare su un’aspirapolvere che non ha fili di alimentazione è sinonimo di comfort e praticità, dal momento che viene meno un ingombro di non poco conto. Quante volte con una normale aspirapolvere succede di ritrovarsi a inciampare nel cavo, che magari non riesce neppure a raggiungere tutti gli ambienti della casa o che si incastra sotto i mobili? In tutti questi casi si è obbligati a fermarsi, sia per disincastrare il filo che per staccarlo e collegarlo a una presa più vicina. E così le faccende di casa, che già di per sé sono noiose, diventano ancora più impegnative e fastidiose. Con i modelli Dyson, tutti questi inconvenienti svaniscono: la scopa elettrica può essere portata ovunque.

Gli accessori

I Ricambi Dyson possono essere trovarci con la massima facilità. Per di più, gli accessori a disposizione sono davvero tanti, e tutti sono accomunati dalla semplicità di installazione che li caratterizza. Insomma, montarli è semplice come bere un bicchier d’acqua, e in più i vari componenti hanno il pregio di risultare intercambiabili gli uni con gli altri. Ecco, quindi, che diventa semplice pulire qualsiasi angolo della casa, inclusi gli imbottiti come il divano o la poltrona. Ma non è tutto, perché tra le superfici che possono essere pulite con le aspirapolveri Dyson ci sono anche gli interni delle auto.

Il sacco raccogli polvere

Proseguendo nella rassegna delle caratteristiche più rilevanti delle scope elettriche Dyson non si può non menzionare l’assenza di un sacco raccogli polvere. Le aspirapolveri con sacchetto, in effetti, fanno ormai parte del passato e sono poco comode, se non altro perché i sacchetti devono essere sostituiti a intervalli regolari e c’è il rischio di ritrovarsi senza il sacchetto di riserva quando se ne ha la necessità. Le scope elettriche eliminano tale problema, visto che lo sporco viene convogliato in un serbatoio che poi può essere estratto e svuotato tra i rifiuti.

L’autonomia

Le scope elettriche Dyson, non essendo collegate a una presa elettrica, hanno un’autonomia piuttosto ridotta. Esse sono munite di un motore che deve essere caricato per mezzo di un alimentatore, grazie a cui può essere erogata la carica. In ogni caso una carica completa basta e avanza per la pulizia di una casa molto grande. Più che altro, occorre sapere che una scopa elettrica priva di sacchetto deve essere svuotata più di frequente rispetto ai modelli alternativi.

Perché scegliere Dyson

Le aspirapolveri di Dyson fanno della maneggevolezza il proprio tratto distintivo, anche perché sono leggere. Ecco perché sono in grado di raggiungere senza problemi qualunque angolo, permettendo di rimuovere la polvere e lo sporco in tutti i punti in cui ci possono essere allergeni o batteri. Il prezzo non è il fiore all’occhiello di Dyson, ma è ovvio che la qualità si paga, così come la disponibilità di una tecnologia all’avanguardia. Il motore ciclonico vanta una potenza di tutto rispetto e prestazioni di alto livello, mentre il sistema di rilascio dello sporco è tanto rapido quanto comodo. Di certo non si corre il rischio di entrare in contatto con lo sporco che si sta eliminando.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

L’alluvione di ieri ha alzato il livello del fiume Magra che ha trascinato via l’ultimo mezzo rimasto sul ponte crollato di Albiano. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa