Mercato dell’auto, per la ripartenza si punta sull’usato e sulle vendite online In evidenza

La strategia sta già dando i propri frutti.

Martedì, 16 Giugno 2020 18:57

In attesa di possibili incentivi all’acquisto da parte del governo, si vedono i primi timidi segnali di risveglio da parte del mercato italiano delle auto usate, nelle quali vengono risposte le speranze per la rinascita di tutto un settore.

Dopo il crollo record delle vendite fatto segnare nel mese di aprile con un impressionante -97,5%, a maggio la perdita è stata più contenuta, attestandosi sul -49,61% rispetto allo stesso mese dello scorso anno, per un saldo di 99.711 nuove immatricolazioni. I passaggi di proprietà di auto usate sono stati invece 206.967 con una variazione del -44,61% rispetto a maggio 2019.

Il mercato dell’auto comincia quindi a muovere i primi passi all’aperto nella fase 2 post lockdown ed inizia a vedere la luce in fondo al tunnel, anche se la strada da percorrere è ancora lunga.

Una recente indagine di mercato realizzata dalla società di aste di auto usate e remarketing BCA Italia indica che le speranze degli operatori del settore sono riposte proprio nel business delle vetture di seconda mano, che potrebbe ripartire molto più in fretta del previsto generando una reazione a catena positiva per tutto l’automotive. I dati forniti dagli uffici della Motorizzazione Civile e lo sviluppo delle piattaforme di vendita online sembrano rinfrancare questa illusione.

A maggio 2020, infatti, la auto usate hanno rappresentato il 69,49% del volume globale di vendite e la prospettiva è che questa quota continui a crescere anche nei prossimi mesi. Il budget ridotto a disposizione spingerà molti italiani a ripiegare sull’usato sicuro e gli stessi concessionari si trovano ora con un’importante flotta di auto a km zero ed almeno 350.000 vetture ferme sui piazzali (stima UNRAE) da smaltire il prima possibile, proponendo offerte e sconti per ingolosire i consumatori.

In tempo di Coronavirus, ovvero da marzo a maggio 2020, le auto usate più vendute sono state le italianissime Fiat Panda (12.874 unità) e Fiat 500 (11.088 unità), ma al quarto posto troviamo la prima vettura tedesca, la Volkswagen Golf con 8.181 unità, mentre al nono posto si piazza l’Audi A4 forte di 5.037 unità vendute.

Una strategia adottata in tempo di crisi è stata quella di trasferire le vendite online, e la scommessa sembra che stia già dando i propri frutti. Le piattaforme di e-commerce dell’auto presenti online già da tempo come Autoo.it, portale italiano specializzato nel proporre auto usate di marchi tedeschi, o Carvana, colosso USA della compravendita di auto online, hanno fatto segnare un deciso aumento del volume di visitatori unici e potenziali clienti. Allo stesso tempo i concessionari di tutta la penisola hanno spostato la propria offerta online e sono riusciti così a contenere le perdite e ad agganciare una nuova tipologia di clienti. E questa tendenza non è limitata solo al mercato italiano.

Il New York Times segnala come persino negli Stati Uniti, dove i tradizionalissimi concessionari di auto usate sono stati per lungo tempo restii ad abbracciare l’e-commerce, ora gli showroom si siano convertiti in esperienze 100% virtuali e tutte le inquietudini dei clienti possono essere risolte con una videochiamata su FaceTime o Whatsapp gestita da parte di un operatore specializzato.

Un’indagine di Forbes considera inoltre che le vendite online siano semplicemente e chiaramente “un’esperienza molto più efficiente, che richiede meno tempo al consumatore e meno sforzo per il venditore”. Le speranze di rinascita degli operatori del settore sono riposte tutte lì.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il commento del Sottosegretario alla Difesa, Stefania Pucciarelli, in occasione della Giornata Mondiale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa