Buoni spesa, Confesercenti chiede che non vengano dimenticati gli esercizi di vicinato In evidenza

Il presidente regionale scrive ai sindaci della Liguria e ad Anci.

Sabato, 04 Aprile 2020 20:20

Il presidente regionale di Confesercenti, Marco Benedetti, ha scritto ai sindaci della Liguria, al direttore generale di Anci Liguria, Pierluigi Vinai, al portavoce regionale del Forum del terzo settore, Andrea Rivano, e all'assessore allo Sviluppo economico della Regione Liguria, Andrea Benveduti, per chiedere che nella distribuzione e nell'articolazione dell'utilizzo dei Buoni spesa finanziati dalla Protezione civile nazionale non ci si dimentichi degli esercenti di vicinato.

"Sulla misura dei cosiddetti Buoni spesa stiamo assistendo al proliferare di procedure di utilizzo nei diversi Comuni, situazione che certo non aiuta un contesto già fortemente confuso dalla situazione e dai provvedimenti normativi che la stanno accompagnando. Comprendiamo ovviamente – e pienamente condividiamo – lo spirito con cui amministratori e operatori del sociale – dichiara Benedetti – stanno cercando di accelerare l’operatività dei Buoni spesa. La misura serve oggi non tra quindici giorni o un mese. In questo senso accettiamo di buon grado le modalità operative che garantiranno nei diversi ambiti territoriali la maggiore rapidità possibile, facendoci ancora una volta carico di un ruolo sociale, prima ancora che economico e imprenditoriale. Tuttavia non possiamo non ribadire alcuni principi che a nostro giudizio devono inderogabilmente caratterizzare una misura sociale e di solidarietà quale quella in oggetto. Se di sociale e di solidarietà si parla, sia solidarietà per tutti, anche per gli esercizi di vicinato e i banchi dei mercatali. Questi ultimi infatti sono ancora una volta dati per scontato, anche in questa emergenza, come se non stessero garantendo la tenuta della nostra comunità con il loro lavoro e i loro sacrifici quotidiani, al pari di altre attività".

In concreto Benedetti e Confesercenti chiedono che:
- nel caso si opti per l’acquisto e la distribuzione di beni da parte degli operatori del terzo settore, si utilizzino anche gli esercizi di vicinato e non esclusivamente la grande distribuzione. E’ meglio avere un pacco di pasta in omaggio in meno oggi, che trovarsi 2 persone domani a chiedere la stessa pasta perché il negozio che possedevano o dove lavoravano ha chiuso. Aiutiamo chi sta aiutando;

- nel caso di utilizzo di buoni pasto, ricordando ancora una volta l'assoluta contrarietà a quel sistema perverso che tanti danni ha provocato e continua a provocare al tessuto economico, non si faccia pagare ai commercianti la solidarietà, lasciando alle società emettitrici la possibilità d’imporre commissioni folli dal 12 al 22% o costi di adesioni al circuito, magari vantandosi anche di essere socialmente responsabili. Le adesioni al circuito devono essere gratis e sono a mala pena tollerabili commissioni massime del 5%. Confesercenti chiede comunque di attestarsi il più possibile vicino allo zero garantendo la copertura dei costi del servizio, ricordando inoltre che quegli sconti andranno comunque a gravare su chi oggi, a costo di gravi sacrifici personali e familiari, garantisce un servizio alla cittadinanza e che i suddetti verranno comunque privati di liquidità per mesi, viste le note tempistiche delle procedure di pagamento dei buoni pasto, proprio mentre le stesse imprese stanno chiedendo liquidità alle banche e alle istituzioni per sopravvivere;

- nel caso di utilizzo di carte prepagate, si ricordi la necessità di prevedere una forma di calmieramento per i costi di transazione, soprattutto se si autorizzano spese per importi minimi, anche in questo caso per non gravare sulle tasche degli esercenti ed arricchire i circuiti delle card.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Confesercenti La Spezia

Il coordinamento di Rete imprese Italia si dichiara pronto sin da subito a partecipare ad un confronto Leggi tutto
Confesercenti La Spezia
Accolte le richieste di Faib Confesercenti, nuovo stop. Leggi tutto
Confesercenti La Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa