Sunia, 50 anni di lotte importanti e di risultati significativi In evidenza


Una settimana di consulenza a chi intende partecipare al prossimo bando per l’assegnazione di una casa popolare

Lunedì, 18 Novembre 2019 17:24

Sono passati 50 anni dal famoso autunno caldo caratterizzato dal primo sciopero generale indetto da CGIL CISL UIL sul diritto alla casa.
Ne è passata di acqua sotto i ponti: dal blocco degli affitti, all’equo canone(1978) ai patti in deroga (1992), all’abolizione delle trattenute Gescal, alla Legge 431 del 9/12/1998, alla cedolare secca(2011) sui contratti a canone concordato, al fondo di sostegno all’affitto, al fondo per la morosità incolpevole.

Di cose ne sono state fatte grazie anche all’impegno ed alla determinazione del SUNIA tuttavia il disagio abitativo rimane tutt’ora irrisolto.
I vari governi che si sono succeduti in tutti questi anni hanno affrontato questo problema come si trattasse di una semplice emergenza e che come tale poteva essere affrontata e risolta con provvedimenti che adottati di volta in volta hanno dimostrato tutta la loro inefficacia a dare una soluzione definitiva al problema abitativo.

A conferma di quanto diciamo da tempo non sono solo i dati nazionali che potrebbero essere influenzati da quelli delle grandi città ma anche quelli della nostra provincia.
Si pensi che solo nella nostra provincia ogni anno vengono emessi oltre 200 sfratti per morosità (210 nel 2018) che vi sono ancora 1.155 famiglie che hanno fatto il bando emanato nel 2011 che sono in attesa della casa popolare e che vi sono 281 appartamenti gestiti da ARTE sfitti oltre ad alcune migliaia di proprietà privata.

A tutto questo vanno aggiunti l’impressionante aumento degli alloggi destinati agli affitti brevi (B&B,affittacamere,case vacanza etc.)
Quindi la riduzione degli alloggi destinati alla locazione, non solo produce un aumento degli affitti ma anche un impoverimento sociale del centro città ove conseguentemente vengono meno le condizioni di redditività di quelle attività commerciali ed artigianali che potevano contare sulla popolazione residente.

Anche in questo ambito è necessario intervenire con regole efficaci affinchè “l’industria turistica”non si trasformi in una micidiale desertificazione sociale.
Ma è necessario più in generale da parte di Stato,Regioni, Comuni destinare risorse certe per aumentare il patrimonio abitativo destinato alla locazione ad affitti sostenibili per i redditi medio bassi.Questo è l’obiettivo strategico del SUNIA. Nel frattempo vogliamo ricordare questo cinquantesimo lanciando per tutta la settimana fino a sabato 23 novembre una campagna di consulenza gratuita per tutti coloro (inquilini e proprietari)che desiderano sottoporci i loro vigenti contratti e per tutti coloro che intendono partecipare al prossimo bando per l’assegnazione di una casa popolare.

Franco Bravo
Segretario Regionale e Provinciale

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
Sunia

Continua la mobilitazione sindacale per chiedere al Consiglio Regionale la modifica della proposta di Legge presentata dall’Assessore Scajola e che prevede fra l’altro:

  1. -L’Introduzione di un termine alla durata del contratto
  2. Forte aumento dell’affitto per chi supera del 50% il limite di accesso
  3. -La soppressione della tutela che prevede di non considerare per dieci anni il reddito dei figli per la decadenza
  4. -La sublocazione per chi è incolpevolmente moroso invece di riconoscergli un sostegno economico
  5. La vendita delle case sfitte nelle zone di pregio e quindi una riduzione del numero delle case popolari
  6. -L’introduzione di un limite ‘’ irragionevole’’ di 10 anni e 5 anni di residenza  per poter partecipare ai bandi per italiani e non comunitari

SUNIA SICET UNIAT CGIL CISL  UIL IL GIORNO 22 MAGGIO HANNO ILLUSTRATO ALLA 4 COMMISSIONE REGIONALE LE PROPRIE POSIZIONI E LE PROPRIE PROPOSTE

UNA LEGGE CHE VA CAMBIATA

LUNEDI’ 5 GIUGNO 2017 ORE 15,30

SALA DANTE

VIA UGO BASSI 4-LA SPEZIA

ASSEMBLEA DI TUTTI GLI INQUILINI DELLE CASE POPOLARI

Interverranno::

Avv. Antonella PORTONATO

Direttivo Provinciale SUNIA

Franco BRAVO

Segretario Generale Regionale e Provinciale del SUNIA

PARTECIPATE-PARTECIPATE

www.sunialaspezia.it/

Ultimi da Sunia

Sunia, Sicet e Uniat scrivono a Peracchini. Leggi tutto
Sunia
Il SUNIA chiede di portare il fondo destinato ad aiutare le famiglie a pagare l’affitto almeno a 300 milioni con forme di erogazione rapide. Leggi tutto
Sunia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa