Stampa questa pagina

Sciopero dei benzinai, adesione stimata oltre il 74% In evidenza

I gestori al governo, alle compagnie e ai retisti: "Contro l'illegalità servono regole e coerenza, non proclami".

Venerdì, 08 Novembre 2019 19:06

 

Da mercoledì mattina alle 6 sino a questa mattina alla stessa ora, i gestori degli impianti di rifornimento carburanti, sia della rete autostradale che ordinara, sono rimasti chiusi per lo sciopero nazionale proclamato da Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio.

Dai primi dati che affluiscono dalle struture sindacali territoriali, il grado di adesione nazionale si attesta oltre il 74 per cento a testimonianza della partecipazione e del livello di preoccupazione della categoria. Elementi accolti con soddisfazione dalle Federazioni sindacali, tanto più in presenza del continuo moltiplicarsi di impianti presidiati da lavoratori senza contratto o con contratti precari e illegali, se non gestiti direttamente dalla criminalità organizzata. Uno stato di fatto che dovrebbe preoccupare non solo i gestori e le loro organizzazioni, quanto soprattutto le altre componenti del settore - dalle compagnie petrolifere, ai retisti indipendenti - e il Governo stesso che, al contrario, continua a mostrarsi indifferente agli allarmi ripetutamente lanciati.

Proclamare - ma chi potrebbe dichiararsi contrario? - la propria adesione alla lotta all'illegalità dilagante (6 miliardi di litri/anno "clandestini", secondo una stima prudente, vale a dire poco meno di 5 miliardi di euro sottratti all'Erario, tra accise e Iva) nel settore della distribuzione carburanti, non può in nessun modo essere sufficiente senza un seguito coerente di azioni, iniziative e provvedimenti realmente efficaci.

L'articolata piattaforma di rivendicazioni e proposte della categoria è stata presentata dai presidenti di Faib, Fegica e Figisc ad una nutrita rappresentanza di gestori provenienti da tutta Italia, che ha partecipato prima al presidio tenuto di fronte la Camera dei deputati e subito dopo all'assemblea del Capranichetta. Assemblea a cui hanno inteso portare il loro contributo diversi rappresentanti della politica: Maria Cecilia Guerra, LEU, Sottosegretario al Ministero Economia e Finanze; Pier Luigi Bersani, LEU, X commissione attività produttive della Camera; Luca Sut e Lucia Scanu Movimento 5 Stelle X commissione della Camera, Umberto Buratti, PD, Commissione VIII ambiente della Camera; Claudio Mancini, PD, Commissione VI finanze della Camera; Jacopo Morrone, LEGA, Commissione II giustizia della Camera; Martina Nardi, PD, capogruppo in commissione X attività produttive della Camera; Elena Raffaelli, LEGA Commissione VIII ambiente della Camera; Luca Squeri responsabile energia di Forza Italia e membro della X Commissione attività produttive Camera.

 

Faib Confesercenti - Fegica Cisl - Figisc/Anisa Confcommercio

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Confesercenti La Spezia

Un accordo per agevolare la diffusione del Bonus Vacanze e renderlo più fruibile per le imprese, accelerando il processo di cessione dei crediti e, quindi, il recupero di liquidità. È… Leggi tutto
Confesercenti La Spezia

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa