Come rendere l’ufficio più ecosostenibile in 7 step In evidenza

Per rispettare l'ambiente e rendere più sostenibili i nostri uffici.

Mercoledì, 30 Ottobre 2019 12:08

Tutti noi dovremmo rispettare l’ambiente, e farlo in ogni ambito della nostra vita, dalla casa alla tutela delle spiagge e delle strade. Eppure le occasioni per dimostrarci virtuosi non finiscono mai, perché anche il lavoro è un ottimo campo di applicazione di questo pensiero green. Un pensiero che potrebbe ad esempio rendere più sostenibili i nostri uffici, perché anche questo aspetto non va mai sottovalutato. Ecco quindi come rendere il proprio posto di lavoro più green in 7 step.

  •  Archiviazione elettronica dei dati: per prima cosa, fate molta attenzione ai consumi di carta, che in genere negli uffici rappresentano uno dei problemi maggiori, se si parla di sprechi di risorse. Oggi, grazie ai computer, ai server e alle tecnologie cloud, possiamo archiviare digitalmente qualsiasi documento. E di conseguenza possiamo risparmiare moltissima carta.
  •  Cambiare il vecchio fornitore di energia: uno degli aspetti più importanti, se si parla di tutela dell’ambiente, è la fonte di energia che usiamo per alimentare i dispositivi dei nostri uffici. Ebbene, oggi sul mercato è possibile trovare fornitori che possano allinearsi con i nostri desideri. Sul sito web di Green Network, ad esempio, c’è la possibilità di scegliere un’offerta di energia elettrica per aziende ecosostenibile, che permette dunque di ridurre l’impatto ambientale del proprio luogo di lavoro.
  •  La raccolta differenziata anche in ufficio: oltre che a casa, è giusto fare la raccolta differenziata anche in ufficio, soprattutto perché di solito in questi luoghi si usa moltissima carta e plastica, oltre all’umido (per via delle mense e dei pranzi portati da casa).
  •  Installare i sensori di movimento: in ufficio gli sprechi energetici possono farsi elevatissimi, specialmente per colpa delle luci, che spesso restano accese per ore intere, anche di notte. Magari perché c’è un impiegato che sta facendo gli straordinari. In ogni caso, è possibile installare un sensore di movimento e collegarlo al sistema di illuminazione, così da attivare le lampadine solo quando il PIR rileva la presenza di una persona.
  • Evitare lo stand by: in ufficio i dispositivi elettronici abbondano, e molti di essi sono indispensabili. Ma non è indispensabile tenerli in stand by, quindi conviene spegnerli del tutto, per evitare che possano sprecare energia inutile. Per fare un esempio, secondo uno studio del 2015, negli USA vengono spesi 19 miliardi spesi 19 miliardi a causa di strumenti elettronici non utilizzati.
  •  Gestire il riscaldamento: un consiglio che vale per gli uffici così come per le case. Mai impostare le temperature del riscaldamento ad un livello troppo elevato, evitando di superare i 21 gradi, così da risparmiare sugli sprechi.
  •  Le piante in ufficio: ultimo consiglio per rendere green i vostri posti di lavoro, stavolta letteralmente. Le piante sono una risorsa molto preziosa anche in ufficio, perché abbattono i livelli di CO2 nell’aria, perché eliminano alcuni cattivi odori tipici di questi luoghi, e perché danno un bel tocco di verde e di freschezza agli ambienti. Tra l’altro, secondo alcuni studi, le piante riducono i livelli di stress.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il presidente della Regione Giovanni Toti commenta la decisione del consiglio comunale di Porto Venere. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Giovedì 19 dicembre con il gruppo dialettale "La n'è mai tropo tardio". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa