Giro di vite del Comune sull’evasione fiscale: arriva la task force In evidenza

di Gabriele Cocchi – Protocollo d’intesa con Finanza e Agenzia delle Entrate: il Comune contribuirà al recupero delle tasse non pagate, e potrà guadagnarci.

Venerdì, 04 Ottobre 2019 13:37

Un protocollo d’intesa, della durata di tre anni e rinnovabile, per proseguire e potenziare il contrasto all’evasione fiscale alla Spezia.

Lo ha siglato il Comune con l’Agenzia delle Entrate e il Comando provinciale della Guardia di Finanza, seguendo il percorso tracciato da un accordo firmato nel 2009 tra l'Agenzia, Anci e Ifel (Istituto per la finanza e l'economica locale), a cui aveva aderito anche l’amministrazione, “per avviare e favorire la cooperazione tra Stato e Comuni” nella partecipazione degli enti locali al recupero dell’evasione fiscale.

Che cosa cambierà in concreto dopo la sottoscrizione del protocollo d’intesa? Verrà incentivato soprattutto il flusso di informazioni che parte da palazzo civico e arriva a Finanza e Agenzia delle Entrate, ma verranno promossi anche “momenti di formazione e confronto, lo sviluppo di buone pratiche e percorsi metodologici di indagine” per l’invio da parte dell’amministrazione “di informazioni utili agli accertamenti fiscali”.

L’accordo non solo agevolerà il recupero delle somme che gli spezzini hanno sottratto al fisco, ma avrà anche un risvolto positivo per le casse comunali, che in questo modo potranno incamerare una quota di quelle somme "tracciate" anche grazie al contributo del Comune.

L’amministrazione, più nel dettaglio, trasmetterà informazioni su eventuali comportamenti evasivi ed elusivi nei campi di “commercio e professioni, urbanistica e territorio, proprietà edilizie e patrimonio immobiliare, residenze fittizie all’estero e beni indicativi di capacità contributiva”, avvalendosi anche del lavoro di Spezia Risorse, il suo "braccio operativo".

Rientrano nel pacchetto anche i dati sulle contestazioni di abusivismo commerciale della Polizia Municipale e quelli sulle contestazioni di abusivismo edilizio.

Le segnalazioni verranno inviate per via telematica e assegnate, a seconda della competenza, all’Agenzia delle Entrate o alla Guardia di Finanza.

In base agli avvisi ricevuti dall’Agenzia, entro 30 giorni il Comune dovrà consegnare tutta la documentazione sui soggetti “passivi fiscalmente” domiciliati nel Comune della Spezia per determinarne il reddito complessivo.

Sarà proprio in base all'esito di queste segnalazioni – se cioè dovessero dar luogo ad avvisi di accertamento – che il Comune potrà incassare una quota delle somme recuperate.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

"La politica degli annunci prima o poi arriva a confrontarsi con la realtà: il nulla di fatto." Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Prosegue la collaborazione fra il Comune e l’associazione dell’Alpinismo Lento Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa