Lunezia incontra la Reggia di Colorno In evidenza

Un evento per fare un primo bilancio dell’attività in corso quest’anno, per approfondire il modus vivendi del sodalizio e per approvare il nuovo manifesto di Lunezia.

Giovedì, 16 Maggio 2019 19:56

 

Dopo gli incontri degli scorsi mesi, tenutisi a Pontremoli, Lerici, Borgotaro ed Aulla, l’Associazione culturale “Regione Lunezia” si ritrova alle ore 10.00 di sabato 18 maggio 2019 nella Venaria Reale di Colorno, presso la Reggia di Maria Luigia, la Duchessa di Parma, Piacenza e Guastalla, proprio colei che, secondo la volontà del padre, l’Imperatore d’Austria Francesco I, e in base al trattato di Fontainebleau del 1814, avrebbe dovuto governare anche sulle terre apuo-lunensi fino al Mar Tirreno. Maria Luigia, perciò, avrebbe potuto costituire il nocciolo di quella Regione che il sen. parmigiano Giuseppe Micheli, in sede Costituente nel 1946/47, aveva propugnato, ottenuto e chiamato Emilia Lunense e che i suoi sostenitori odierni definiscono Lunezia.

Sarà l’occasione per fare un primo bilancio dell’attività in corso quest’anno, per approfondire il modus vivendi del sodalizio e, soprattutto, per approvare il nuovo manifesto di Lunezia con i suoi progetti concreti e con i rispettivi percorsi. Ricordiamo che i “volenterosi luneziani” sono fermamente intenzionati a portare avanti un serrato confronto con le Istituzioni affinché , passate le elezioni, non ci si dimentichi di dare una definizione certa alla rete delle infrastrutture di questa geocomunità, con progetti e finanziamenti altrettanto certi e sicuri. Il riferimento è ai porti di Carrara e La Spezia, alla Pontremolese, all’Autocisa-Autobrennero, ai raccordi con gli interporti di Piacenza e Parma e con l’AV Mediopadana di Reggio Emilia, senza trascurare l’aeroporto di Parma e gli attracchi sulla navigazione del Po. Altri quattro sono i progetti che stanno a cuore ai luneziani, ossia quello sul sistema turistico enogastronomico che comprenda mare, monti e città d’arte, quelli sul sistema integrato delle Università e delle Fiere e sulla rivitalizzazione dell’Appennino.

Si tratta certamente di un blocco progettuale molto ambizioso, ma tuttavia necessario se si vuole consentire ai cittadini e agli operatori socioeconomici di questa vasta area geografica la possibilità di stare dentro con successo alla competizione globale moderna, senza rimanere schiacciati dalle varie metropoli regionali (Bologna, Genova, Firenze, Milano), le quali finora, in modo matrigno, hanno assorbito continue risorse pubbliche, senza trasmetterne i dovuti benefici alle terre della “Lunezia”.
Comunicato dell’Associazione culturale “Regione Lunezia”

Foto- Fondo ambiente

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Fermato ieri sera in piazza Verdi: prima ha tentato di scappare, poi ha aggredito due agenti della Polizia. Da poco più di due settimane non era più sottoposto all'obbligo di… Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
In Liguria in totale soltanto 3 pazienti si trovano in terapia intensiva. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa