A Book About Hands, a Spazio32 una mostra dedicata alle mani In evidenza

Una selezione delle immagini dell'omonimo libro. Ingresso libero.

Martedì, 09 Aprile 2019 16:16

Inaugura venerdì 12 aprile alle ore 18.30 a Spazio 32 – biblioteca della Fondazione Carispezia e spazio culturale dedicato alle arti visive – la mostra A Book About Hands a cura di Platò, alias Michela Brondi e Diego Garbini, nell’ambito del progetto “ON/OFF”, pensato per promuovere le attività di artisti e pensatori legati al territorio.
In esposizione 34 opere tratte dal libro A Book About Hands, pubblicato dalla casa editrice indipendente Platò, e accomunate da un unico tema: le mani. Michela Brondi, che è autrice della selezione delle immagini presenti nel libro e di due illustrazioni, è una collezionista di immagini che in anni di ricerca ne ha catalogate e archiviate più di 9.000. Nel 2016, insieme a Diego Garbini, ha deciso di trasformare una delle sue raccolte in un libro.

 

Partecipa al libro una rosa straordinaria di artisti da tutto il mondo: il leggendario Jim Phillips (Skateboarding Hall of Fame Icon, 2017), Michael Waraksa che crea illustrazioni per il New York Times, Tavis Coburn che lavora per grandi brand come Nike e Dyson, Laurène Boglio (BBC, The Guardian, Google), Marco Oggian, Davide Bellocchio e tanti altri artisti diversi uno dall'altro, che hanno accettato di partecipare a questa collezione.
Finanziato attraverso una campagna di crowdfunding nell’agosto del 2018, A Book About Hands è stato realizzato con il contributo di più di 200 persone da tutto il mondo ed è arrivato in 17 nazioni e in musei e collezioni dove sarà catalogato e messo a disposizione del pubblico. Fra questi Il British Museum, la Wellcome Collection, la National Gallery di Washington, il Minneapolis Institute of Arts, il Medical Heritage, il Philadelphia Museum, il Getty Museum.


Michela Brondi è nata a Sarzana nel 1974. Diplomata al Liceo Artistico “Artemisia Gentileschi” di Carrara, ha collaborato come scenografa e costumista con Theatrum Chemicum (Migliore Scenografia Teatrika Festival 2011), Arteatro Network, Teatro Ocra, Massimo Bondielli, Mattia Costa, Novecento produzione e Rai 5. Come illustratrice e graphic designer ha collaborato con Sidebloom Agenzia di comunicazione, Starbusiness, In Immagine, Toshiyuki Matsushita, A.R.S.A, Lavoratorio Artistico, Parallelamente. Dal 2013 cura Platò assieme a Diego Garbini, realizzando quattro pubblicazioni: The Wry Pussy Bar (2014), progetto grafico e illustrazioni, My Soul Does Not Exist (2015) progetto grafico, Gli Erbetti di Iole (2016) progetto grafico, A Book About Hands (2018) progetto grafico e illustrazioni.

Diego Garbini è nato a Sarzana nel 1973. Laureato in Storia del Teatro e dello Spettacolo, ha lavorato come macchinista teatrale in Aida e Traviata di Franco Zeffirelli, Il Flauto Magico di Claudio Abbado e in decine di produzioni e teatri italiani. Direttore tecnico di Teatrino Clandestino, ha lavorato nei teatri di Porto, Coimbra, Granada, Siviglia, Toulouse, Strasburgo, Budapest, Bordeaux, Edimburgo. Dal 2003 si dedica a progetti video in collaborazione con Teatro Ocra, insieme a cui nel 2008 riceve una menzione speciale al Genova Film Festival. Nel 2012 ha ideato Freaks – Lo Spettacolo Mostro, un format teatrale selezionato da Lunatica Festival. Nel 2013 crea Platò, un contenitore indipendente di idee e progetti con cui partecipa a Festival della Mentina, Liber Libri, Gelati, Fruit Exhibition e Salone Internazionale del Libro di Torino.

Il progetto di Spazio 32 “ON/OFF”, a cura della giornalista Benedetta Marietti, è dedicato a idee nate da artisti, sognatori e visionari legati alla provincia della Spezia e/o alla Lunigiana. Per presentare la propria idea per Spazio 32 è disponibile un apposito modulo sul sito www.spazio32.it. Tutte le proposte, che possono riguardare mostre temporanee, eventi flash e altre iniziative dinamiche che si svolgeranno in parallelo alla programmazione annuale, devono presentare un nesso con il territorio per la provenienza dell’autore o per le tematiche affrontate. Particolare riguardo viene dato alle iniziative proposte da soggetti under 32, in linea con la vocazione di Spazio 32 come centro culturale dedicato soprattutto alle nuove generazioni.

Per informazioni: tel. 0187 772339 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Facebook, Instagram (@spazio32).

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
Fondazione Carispezia

Via Domenico Chiodo, 36
19121  La Spezia
Tel.  +39 0187.77231
Fax +39 0187.772330
Email: segreteria@fondazionecarispezia.it

www.fondazionecarispezia.it

Ultimi da Fondazione Carispezia

11 appuntamenti con i grandi nomi della musica classica al Teatro Civico della Spezia e al Teatro degli Impavidi di Sarzana. Da lunedì 21 ottobre al via la campagna abbonamenti Leggi tutto
Fondazione Carispezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa