Santo Stefano Magra rende omaggio alle sue partigiane In evidenza

Irma Marchiani, Zenech Marani e Giuseppina Cogliolo.

Lunedì, 03 Dicembre 2018 09:20

 

Il libro di Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello “Sebben che siamo donne. Resistenza al femminile in IV Zona Operativa, tra La Spezia e Lunigiana” ha fatto tappa anche a Santo Stefano Magra, per iniziativa del Comune di Santo Stefano e della Sezione Anpi di Santo Stefano, nell’ambito delle quattro giornate dedicate al 74° anniversario del rastrellamento nazifascista del 29 novembre 1944.

Protagoniste dell’incontro sono state le partigiane santostefanesi, in primis Irma Marchiani “Anty”, Medaglia d’Oro, una delle figure più belle della Resistenza italiana. Giorgio Pagano ha ricordato la spinta che portò la Marchiani a impegnarsi nella Resistenza: un antifascismo che aveva certamente radici nella tradizione familiare e nell’impegno del padre, ma che era anche e soprattutto “esistenziale”, dettato dalla ribellione alla guerra e alla dittatura e dall’amore per la libertà, dalla “scelta morale” di fare comunque qualcosa. Lo dimostra un passo della lettera inviata al fratello Piero il 10 agosto 1944, inserita nelle “Lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana”:

“Nel mio cuore si è fatta l’idea (purtroppo non da troppi sentita) che tutti più o meno è doveroso dare il suo contributo. Questo richiamo è così forte che lo sento tanto profondamente, che dopo aver messo a posto tutte le cose mie parto contenta... Sono una creatura d’azione, il mio spirito ha bisogno di spaziare, ma sono tutti ideali alti e belli”.

L’idea che ognuno dovesse dare “il suo contributo” -ha affermato Pagano- diventò a poco a poco sempre più forte, portando all’impegno donne staffette, come la santostefanese Zenech Marani “Katia”, e donne partigiane in armi, come l’altra santostefanese Giuseppina Cogliolo “Fiamma”. Decisivo fu inoltre il ruolo delle contadine, soprattutto durante il rastrellamento del 29 novembre 1944.“Fiamma”, ha detto Pagano, ricorda spesso nella sua testimonianza il contributo dei contadini e delle donne di montagna, “che sempre ci aiutarono nelle più svariate forme. Dandoci un pezzo di pane, un giaciglio o semplicemente con il loro silenzio”. E curando i feriti, come quando le donne santostefanesi aiutarono lei dopo una ferita al ginocchio, o il partigiano “Fiume”, nascosto in un canalone: ”Tutte le donne di Santo Stefano meriterebbero un riconoscimento, sono state meravigliose”.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)
Ass. Culturale Mediterraneo

Corso Cavour, 221
19122 La Spezia

Tel. 345 6124287
Fax. 0187 732765

associazioneculturalemediterraneo.com/sp/

Ultimi da Ass. Culturale Mediterraneo

Le iniziative si svolgeranno nel rispetto delle regole contro la pandemia. Leggi tutto
Ass. Culturale Mediterraneo
Pagano: "Il limite dell’antifascismo militante dei movimenti di estrema sinistra fu la trasformazione del fascismo in un contenitore dove far rientrare tutti coloro non erano di sinistra". Leggi tutto
Ass. Culturale Mediterraneo

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa